spot_img
domenica 25 Febbraio 2024
spot_img

Parte a Corciano il progetto “Longevo” dedicato alle persone over 65 e ispirato alla casa di comunita’

Da leggere

È “Longevo” il nuovo progetto realizzato dalla sede provinciale di Perugia Acli – Associazioni cristiane lavoratori italiani, in partnership con il Comune di Corciano, la Fondazione Tiranti e il Csi (Centro sportivo italiano), con il sostegno della Fondazione Perugia attraverso i fondi del “Bando per gli anziani: cura, promozione e risorsa”, presentato lunedì 27 novembre nella sala Consiliare del Comune di Corciano. Presenti in sala Sara Motti (vicesindaco del Comune di Perugia), Giordana Tomassini (assessore al Welfare del Comune di Corciano), il consigliere comunale Antonio Cappelli, Alessandro Moretti (Acli), don Simone Sorbaioli, Palmiero Bruscia, Antonio Pagana e Paolo Pigliautile (Fondazione Tiranti) e Alessandro Rossi (Csi).

«Longevo è un progetto che abbiamo subito sposato – ha detto il vicesindaco Motti, aprendo gli interventi – voluto fortemente e per il quale abbiamo approfittato della partecipazione al bando della Fondazione Perugia. Seppur siamo il Comune più giovane dell’Umbria, l’età anagrafica degli abitanti è in forte crescita. Per questo è importante implementare le azioni e le iniziative che interessano il nostro territorio dedicate agli over 65».
«Siamo da sempre attenti alla fascia over 65 – ha aggiunto l’assessore Tomassini – che, a un certo punto, si ritrovano per forze di causa maggiore sempre più isolati. Dobbiamo ovviare a questo isolamento e sostenerli nel momento di maggior necessità».

Dopo aver ringraziato tutti coloro che contribuiscono alla realizzazione di “Longevo” e la Fondazione Perugia per il sostegno, a illustrare il progetto in tutti i suoi aspetti è stato il presidente della sezione Acli di Perugia Alessandro Moretti: «Il nostro progetto, che si ispira alla casa comunità, vuol diventare un punto di riferimento per il territorio di Corciano e le sue frazioni, da cui far partire gli interventi che, come base, hanno sempre il concetto di partecipazione». Per riuscire nell’intento occorre «mettere in rete tutto ciò che c’è nel territorio. Sono oltre cinquanta le associazioni che operano in questa area, senza contare parrocchie e altri Enti, ma quello che manca è un collegamento. Questo ambizioso progetto ha, quindi, come obiettivo quello di realizzare il suddetto collegamento attraverso una piattaforma sperimentale aperta sia ai cittadini che vogliono vagliare le attività, sia alle associazioni che, collaborando insieme, possono caricare e veicolare i propri servizi».

Soddisfatto anche don Sorbaioli: «Questa è un’opportunità che viene data a un’associazione come la nostra che è nata proprio con lo scopo di impiegare le proprie risorse, tra l’altro, per il territorio. Questo progetto ci sembra un’occasione da non sprecare: quella di aiutare i nostri anziani sempre più spesso soli e bisognosi».
L’attività sportiva, come sottolineato da Rossi, è fondamentale per tutte le fasce di età e il Csi si occuperà di promuoverla fra gli over 65 con l’intento di affiancare momenti di socialità alla valorizzazione del territorio, anche attraverso iniziative che vadano a toccare luoghi del territorio di grande bellezza naturale, architettonica e artistica. Appuntamenti che il Centro sportivo italiano vorrebbe proseguissero nel tempo.

Il progetto Longevo si ispira al modello “casa della comunità” che risulta essere un modello innovativo e centrale rispetto al flusso “bisogno – risposta” che un’intera comunità riesce a soddisfare rispetto al target over 65, a cui è dedicato “Longevo”.
Il cuore della Casa della Comunità è il “Punto di accesso”, spazio di prossimità facilmente accessibile e raggiungibile da tutti i cittadini. È lo spazio di prossimità a fare il match tra “domanda e offerta”, sviluppando servizi specifici, avviando un “censimento continuativo” degli over 65, elaborando una piattaforma di interconnessione tra i dati provenienti da amministrazione e privato sociale, ovvero dalle molteplici associazioni e organizzazioni sociali presenti sul territorio. Al contempo, elaborerà le strategie di intervento e, in collaborazione con l’ampia rete di stakeholders e soggetti di secondo livello, metterà in atto le azioni progettuali su quattro distinti ambiti di intervento: culturale, assistenziale, stili di vita, socio-ricreativo. Bimestralmente si occuperà poi di “restituire” alla comunità il lavoro svolto. La raccolta dati inerente bisogni e desideri, sarà supportata dagli uffici comunali che collaboreranno con reti associative e parrocchiali a livello territoriale.

Obiettivi generali sono la ricomposizione e l’integrazione della filiera dei servizi e degli interventi e la realizzazione di servizi di prossimità che supportino gli over 65 all’insorgenza di specifiche problematiche. Nello specifico, l’ottimizzazione delle risorse utilizzate in ambito comunale per il miglioramento, l’integrazione e il funzionamento di servizi e di interventi rivolti agli over 65; l’attivazione di reti territoriali e di un programma interconnesso di raccolta dati; l’attivazione della “Casa della Comunità” e realizzazione dei servizi di matching, programmazione territoriale, reporting e censimento; la realizzazione di servizi specifici (“casa di quartiere”) rivolti agli over 65.
Nel complesso, il progetto punta a realizzare un modello di intervento capace di monitorare costantemente bisogni e desiderata del target di riferimento al fine di intervenire puntualmente sia in situazioni di vulnerabilità e marginalità, sia in modo preventivo, agendo in maniera trasversale sulle cinque abilità necessarie al buon invecchiamento: soddisfare i bisogni di base quotidiani; continuare ad imparare e prendere decisioni; la possibilità di muoversi ed incontrarsi all’interno del proprio ambiente di vita; costruire e mantenere relazioni; continuare a contribuire alla società.

La casa della Comunità di Corciano, vera e propria centrale operativa del progetto “Longevo”, è uno spazio fisico messo a disposizione dalla Fondazione Pietro Tiranti in cui si realizzerà lo spazio di prossimità che sarà aperto per più giorni la settimana.

Sito ufficiale: www.acliperugia.it

Corcianonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.




Può interessarti anche

Dal mondo

 

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img