spot_img
martedì 18 Giugno 2024
spot_img

Corruzione, perquisizioni anche a Corciano nelle indagini sulla ricostruzione sisma dell’Aquila

Da leggere

gruIl Corpo Forestale sta eseguendo cinque perquisizioni fra Abruzzo e Umbria nell’ambito delle indagini della Procura di Pescara sulla ricostruzione dopo il terremoto dell’Aquila dell 2009.
Secondo quanto scrive il giornale online “Il Centro” il reato ipotizzato è quello di corruzione. Tre le persone indagate, nell’operazione denominata “Earthquake”.
La Procura pescarese ha anche disposto il sequestro della documentazione dell’ufficio tecnico della ricostruzione distaccata (UTR5) che riguarda nove comuni interessati dall’evento sismico del 6 aprile 2009, verificatosi tra le province dell’Aquila e Pescara.
100 milioni di euro: a tanto ammontano i progetti sia per la ricostruzione pubblica che privata dell’ufficio per la ricostruzione. Si tratta di ben 400 pratiche che la guardia forestale sta sequestrando in queste ore.
Intanto in Umbria vengono eseguite cinque perquisizioni in altrettanti studi tecnici di progettazione con sedi dislocate tra Corciano, Perugia e Gubbio.
Durante le perquisizioni sono stati sequestrati documenti cartacei e digitali.
Le indagini coordinate dalla Procura di Pescara – secondo quanto scrive “Il Centro – mirano a fare chiarezza sulle modalità di affidamento dei lavori di ricostruzione.
Questi sarebbero infatti stati affidati a ditte con sede nei suddetti centri umbri – questa l’ipotesi degli inquirenti – in violazione della “legge Barca” che dispone invece che i progetti per la ricostruzione post-sisma vengano realizzati da società locali.

Corcianonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.




Può interessarti anche

Dal mondo

 

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img