spot_img
martedì 18 Giugno 2024
spot_img

“L’uomo, la bestia e la virtù”, al Teatro della Filarmonica di Corciano

Da leggere

Al Teatro della Filarmonica di Corciano il David di Donatello Giorgio Colangeli veste i panni del ‘trasparente’ professor Paolino nella rilettura registica di Giancarlo Nicoletti di uno dei classici pirandelliani: L’uomo, la bestia e la virtù, uno dei testi più rappresentati del drammaturgo siciliano. L’appuntamento è sabato 9 aprile alle 21. Co-protagonista nel ruolo del Capitano Perella il poliedrico Vincenzo De Michele; al loro fianco Valentina Perrella, nelle vesti della ‘virtuosa’ signora Perella. E ancora, Cristina Todaro, Alessandro Giova, Alex Angelini, Alessandro Solombrino e Giacomo Costa, a completare il cast di una rilettura fortemente contemporanea dell’universo pirandelliano, fuori dal ‘pirandellismo’ di maniera, nel tentativo di riportare la poetica dell’autore Premio Nobel a un universo essenziale, umano, comico e tragico al tempo stesso. E nuovamente attuale.

“C’è una terza via per risolvere il sistema Pirandello/Teatro, che non sia la routine del repertorio tradizionale o i rigurgiti della sperimentazione espressiva? – si chiede il regista –. Non ci sono dei territori scomodi, meno rassicuranti, inesplorati, fuori dal pregiudizio, od orticaria, che l’idea di pirandellismo teatrale ha generato. C’era, sentivo che doveva esserci; ché il buon Pirandello era uomo sovversivo e di scandalo. E quindi da scandalo e sovversione bisognava ripartire.
Con la complicità, quasi la connivenza, di un cast di protagonisti virtuoso e coraggioso, siamo approdati a un approccio analitico, scevro dalla contaminazione ed esegesi accademica avvitata a volte in sé, ripartendo da quello-che-realmente-è e non da quello-che-dovrebbe-essere. Senza la paura di sporcarsi le mani col cinismo, la ferocia, la comicità sbordante e la drammaticità cruda di Pirandello. Fra la Magna Grecia siciliana e Bunuel, fra la borghesia novecentesca e Lars Von Trier. Un approccio contemporaneo, dannatamente concreto. Archiviate la sperimentazione astratto/metaforica e le increspature del teatro di parola, rimangono il sangue, il sesso, il cibo, la merda e l’odore di umanità.
Nella volontà di fare, con questo L’uomo, la bestia e la virtù, uno spettacolo vivo, spietato, esilarante e maledetto”.

Per accedere a teatro sono necessari Super Green Pass e mascherina di tipo ffp2. Si può prenotare telefonicamente, al Botteghino Telefonico Regionale del Teatro Stabile dell’Umbria 075/57542222, tutti i giorni feriali, dalle 16 alle 20. I biglietti prenotati vanno ritirati un’ora prima dello spettacolo, altrimenti vengono rimessi in vendita.
È possibile acquistare i biglietti anche online sul sito del Teatro Stabile dell’Umbria www.teatrostabile.umbria.it.

Corcianonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.




Può interessarti anche

Dal mondo

 

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img