spot_img
giovedì 29 Febbraio 2024
spot_img

Nuova area commerciale a Ellera, il M5S si interroga se il consumo di suolo è giustificato

Da leggere

“Ad Ellera in prossimità del raccordo Perugia Bettole il cantiere del nuovo centro commerciale e del nuovo McDonald’s procede speditamente, rendendo ormai evidente la dimensione e l’impatto che la nuova area Commerciale avrà su questa zona del Comune di Corciano”. Lo scrive in un comunicato il gruppo consiliare del Movimento 5 Stelle. “Un intervento edilizio – si legge ancora – reso possibile dalla variante al PRG approvata dalla Maggioranza Consiliare nel 2020, che ha trasformato un’area di proprietà privata classificata fascia di rispetto stradale Zs in un’area commerciale (zona CAI*) ove sono stati autorizzati circa 2700 mq di superficie commerciale di cui 400 mq circa destinati al nuovo McDonald’s”.

“Più volte in Commissione Urbanistica e in Consiglio Comunale – aggiunge il gruppo del M5S – il Movimento 5stelle ha sollevato dubbi sull’opportunità di tale variante e sull’esistenza di un concreto interesse pubblico a vantaggio della collettività nel volere autorizzare la realizzazione di un nuovo centro commerciale in un’area già densa di attività e servizi commerciali, in sofferenza dal punto di vista della viabilità e della sicurezza stradale. Un’area comunale in cui sono presenti, peraltro, numerosi capannoni dismessi ove andrebbero rafforzate le misure volte ad incentivarne il recupero e la ristrutturazione al fine di evitare che tale abbandono, nel tempo, generi zone di degrado sia edilizio ambientale che sociale pericolose anche per la sicurezza pubblica. Ci augureremmo almeno che il consumo di suolo per la realizzazione di nuovi capannoni fosse giustificato dall’utilizzo di materiali e tecnologie che garantiscano il risparmio energetico e la bioedilizia ma a giudicare da quanto già si vede non ci sembra questo il caso”.

“Nell’ultimo Consiglio Comunale del 30 giugno – aggiunge la capogruppo Chiara Fioroni – abbiamo presentato un’interrogazione all’assessore all’Urbanistica Mangano per fare il punto sulla realizzazione delle opere pubbliche che sono state messe in capo al soggetto attuatore e che, ai sensi della convenzione stipulata tra il Comune e il soggetto attuatore, dovranno essere realizzate e collaudate prima che venga autorizzata qualsiasi agibilità o apertura della struttura commerciale ristorativa. Rispetto alla nostra preoccupazione, avanzata già dal 2019, che manchi un progetto preliminare di viabilità complessiva della zona che tenga conto anche di altri futuri insediamenti commerciali come quello che riguarda l’ex area Ellesse, e che si vada quindi ad appesantire eccessivamente il traffico e la sicurezza stradale in prossimità del raccordo Perugia Bettolle, ci è stata risposto che “l’analisi trasportistica utile a quantificare l’effetto del nuovo insediamento sul contesto viabilistico esistente affidata ai progettisti del soggetto attuatore non ha evidenziato incrementi significativi (2.2%) del traffico tali da presentare criticità sull’attuale sistema”.

“Ci auguriamo – chiosa il capogruppo del M5S Chiara Fioroni – che tale analisi sia corretta ma certamente sapere che questo tipo di verifica sia stata affidata allo stesso soggetto che realizzerà l’insediamento commerciale poco ci rassicura”.

Corcianonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.




Può interessarti anche

Dal mondo

 

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img