spot_img
lunedì 17 Giugno 2024
spot_img

Raccolta differenziata, Giunta Regionale: obiettivo 60% in tutti i comuni entro il 2016

Da leggere

raccolta differenziataIl trend di crescita in Umbria della raccolta differenziata non e’ stato finora in linea con le previsioni del Piano regionale di gestione dei rifiuti. Ecco allora che la giunta regionale, nella sua ultima seduta, ha approvato con una delibera alcune misure per accelerare l’incremento della raccolta differenziata dei rifiuti, uniformandola su tutto il territorio regionale.
Obiettivo, quello di arrivare in ogni comune, entro il 2016, ad una raccolta differenziata non inferiore al 60%, che salga ad
almeno il 65% nel 2017 fino a raggiungere nel 2018 una quota non inferiore al 72,3%.

“Ogni Comune dovra’ riorganizzare i servizi di raccolta domiciliare in modo da raggiungere i livelli previsti dal Piano
regionale, altrimenti scatteranno i poteri sostitutivi della Regione anche con la nomina di un commissario ‘ad acta’”, hanno
sottolineato oggi a Perugia, nella sala giunta di palazzo Donini, la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, e l’assessore regionale all’Ambiente, Fernanda Cecchini, durante l’annuncio alla stampa delle misure contenute nella delibera.
Delibera che quindi “obbliga” i 92 Comuni della regione ad adottare in tempi brevi il metodo del porta a porta visto che
questi entro il 31 marzo dovranno approvare le modalita’ organizzative che assicurino entro il 30 giugno il completamento
della riorganizzazione dei servizi di raccolta domiciliare dei rifiuti.
Anche se i dati certificati dalla giunta regionale attestano un incremento progressivo della media regionale di raccolta differenziata (passata dal 31,3% del 2009 al 50,6% del 2014), per la presidente Marini “servono ulteriori paletti” soprattutto perche’ dai dati relativi al 2014 emerge anche una situazione disomogenea sul territorio regionale con scostamenti fra i 4 Ati-Ambiti territoriali integrati: Ati 1, 51,4%; Ati 2, 60%; Ati 3, 43,4%; Ati 4, 39,4%. Con gli ultimi due, secondo quanto ha affermato la presidente Marini, “che restano al di sotto della media regionale” e con la provincia di Terni “che pertanto e’ quella che deve credere di piu’ in questo metodo”.

Questa estrema variabilita’ riflette anche quella fra i singoli Comuni, con Perugia che ha superato il 60%, mentre Terni
si attesta al 43,2% arretrando rispetto all’anno precedente (2013). Sono previsti “premi” anche per chi va oltre gli obiettivi stabiliti, visto che “con un successivo atto – ha affermato l’assessore Cecchini – verranno stabiliti i criteri per la concessione di contributi a favore dei Comuni che superano le percentuali di raccolta stabilite come traguardi”.
Al fine di aumentare la quota dei rifiuti indifferenziati da avviare a processi di recupero/riciclaggio, “cosi’ da ridurre – ha evidenziato ancora l’assessore all’Ambiente – le quantita’ di quelli da smaltire in discarica”, con questa nuova delibera
viene anche sostenuto il passaggio a sistemi di “tariffazione puntuale” per il riconoscimento dell’utenza e la quantificazione dei rifiuti effettivamente conferiti.

Si accelera, inoltre, la riorganizzazione della “governance” in materia di rifiuti e servizio idrico con la richiesta di
insediamento dell’Auri, l’Autorita’ umbra per i rifiuti e l’idrico istituita con decreto presidenziale e che ha quindi,
come “ambito unico”, sostituito gli Ati “con l’obiettivo – ha spiegato Marini – di portare ad un riordino perche’ la frantumazione non aiuta”.
Per Marini tutto si configura “come una accelerazione che rende coerente il lavoro fatto fin qui”, mentre per Cecchini
“ora tocca ai Comuni che devono accelerare il passo, perche’ e’ questa l’unica arma che abbiamo in mano per evitare
inceneritori”. Marini e Cecchini hanno poi parlato di una riorganizzazione dell’impiantistica che sia “sostenibile” per l’Umbria, “con una valutazione accurata di come ammodernare gli impianti, per rendere meno centrali le discariche, e di come distribuirli”. (ANSA).

Corcianonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.




Può interessarti anche

Dal mondo

 

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img