spot_img
mercoledì 22 Maggio 2024
spot_img

Meteo, con il 2016 la svolta: addio smog, benvenute pioggia e neve

Da leggere

pioggiaAncora tempo stabile con nebbie e smog alle stelle nelle prossime 24-36 ore, ma è partito il conto alla rovescia per l’arrivo della massa di aria fredda che porterà pioggia e neve in tutta Italia, spazzando via le nebbie
e attenuando le concentrazioni degli elementi inquinanti nell’aria.
Lo confermano i meteorologi, che prevedono per le prossime 24 ore una situazione sostanzialmente invariata. Secondo il Centro Epson Meteo, in particolare, la notte di San Silvestro trascorrerà in gran parte dell’Italia con “tempo asciutto, salvo per qualche occasionale precipitazione su Lazio centro-meridionale, sud della Sardegna, settori alpini settentrionali di confine. I venti saranno deboli e le temperature saranno per lo più comprese tra valori leggermente sottozero nelle zone di pianura piu’ fredde e sui 5 gradi nelle zone costiere”.

Lo scorso anno, invece, lo scenario era totalmente differente: proprio in questo periodo l’Italia era investita da
correnti molto fredde provenienti da nord-est, che avevano anche portato nevicate fino in pianura lungo l’Adriatico e a quote molto basse in Sicilia.
Per il primo giorno dell’anno, al momento, non si prevedono ancora cambiamenti nella situazione meteorologica, spiegano dal Centro Epson Meteo: “Il tempo sarà prevalentemente soleggiato al Nord, su Toscana, Umbria e Marche. Nubi sparse nel resto del Paese, ma senza precipitazioni di rilievo. Nella notte ci sarà la tendenza a un graduale peggioramento su estremo Nordovest, Sardegna e regioni tirreniche. Il clima sarà freddo e tipicamente invernale. Temperature massime in lieve rialzo al Nord, in parte anche al Centro e in Sardegna; stazionarie al Sud. All’alba probabili gelate al Nord e in Toscana”.

Per sabato gli esperti di Meteo.it confermano l’arrivo della prima di una serie di perturbazioni atlantiche: “Avremo quindi una giornata di maltempo su quasi tutto il Centronord e in Sardegna, dove sono attese delle precipitazioni sparse, in estensione poi anche alla Campania. Tornerà la neve nel settore alpino e prealpino del Nord, fin verso 600-800 metri, localmente più in basso nel sud del Piemonte, oltre 800-1.200 metri nell’Appennino settentrionale. Sull’Appennino centrale il limite delle nevicate, inizialmente elevato, si abbasserà nelle prime
ore di domenica, intorno ai 1.000 metri”.
La tendenza successiva rimane al momento incerta. Secondo i meteorologi di 3BMeteo.com, entro domenica “una moderata perturbazione atlantica raggiungerà il Mediterraneo e genererà una depressione sul Tirreno; porterà delle precipitazioni dapprima al Nord e a seguire anche al Centro Sud, vero obiettivo del peggioramento. Si avranno anche delle nevicate, soprattutto lungo l’Appennino e fino a quote basse al Nord. E tale variabilità ci dovrebbe accompagnare fino all’Epifania. (ANSA)

Corcianonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.




Può interessarti anche

Dal mondo

 

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img