spot_img
venerdì 31 Maggio 2024
spot_img

Licenziata per furto dalla Brunello Cucinelli spa: per il giudice mancano le prove e la fa reintegrare

Da leggere

Secondo quanto riportano la Nazione e il Corriere dell’Umbria nelle edizioni odierne, una indossatrice è stata reintegrata dalla maison di moda Brunello Cucinelli dopo essere stata licenziata per giusta causa per furto. Pare che nei mesi scorsi la donna fosse stata segnalata da un collega per aver sottratto dal reparto modelleria un capo marchiato Ralph Lauren che era stato acquistato dalla ditta di Solomeo allo scopo di eseguire studi di mercato.

La donna, assunta a Solomeo una decina di anni fa, ha deciso però di rivolgersi al tribunale del lavoro mediante l’avvocato Giuseppe Caforio per difendere le proprie ragioni. In base alla sua versione il capo in questione non era quello di proprietà di Cucinelli bensì un indumento di marca Liquor N Poker (più economico) modificato dalla figlia diplomata all’istituto di moda per farlo somigliare, con tanto di etichetta, a un Ralph Lauren. La ditta invece sosteneva che il capo modificato era stato esibito proprio per dissimulare il furto dell’originale.

Tuttavia il giudice del lavoro Marco Medoro, sentite anche altre testimonianze, ha deciso che non ci sono prove dirette del furto né indizi concordanti. Per tali ragioni, sempre in base a quanto riportano i quotidiani, la Brunello Cucinelli ha dovuto riassumere l’indossatrice licenziata pagandole anche una indennità di oltre 19mila euro, per gli stipendi mancati.

Corcianonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.




Può interessarti anche

Dal mondo

 

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img