spot_img
lunedì 20 Maggio 2024
spot_img

Anoressia precoce: oggi ci si ammala anche a 10 anni

Da leggere

Anoressia-nervosa-e1383748607355Bulimia e anoressia colpiscono sempre prima: negli ultimi anni la media e’ passata da 15-17 anni a soli 10 anni. E’ quanto emerge da una ricerca condotta in ambito nazionale dal ministero della salute della quale e’ stata capofila la rete delle strutture dell’Usl Umbria 1 dedicate ai disturbi dell’alimentazione, diretta da Laura Dalla Ragione che sottolinea l’importanza di riconoscere precocemente i sintomi dopo il suicidio di una undicenne nei giorni scorsi a Torino.
DIAGNOSI PRECOCE COMPLICATA –  La ricerca ha coinvolto sei centri italiani e 1.380 soggetti. “E’ emerso – ha spiegato Dalla Ragione all’ANSA – che l’esordio dei disturbi si e’ abbassato notevolmente. Questo aggrava la situazione perche’ complica la diagnosi da parte del medico, con i pediatri che non sono pronti a riconoscere ed affrontare tali problematiche. Ad un’eta’ cosi’ bassa non si pensa infatti che un bambino o una bambina possano non magiare per l’anoressia ma per altri motivi. Per questo bisogna fare sempre piu’ attenzione ai segnali precoci”.

AUTOLESIONISMO E GUARIGIONE LENTA – La responsabile dei centri umbri, psichiatra e psicoterapeuta, sottolinea poi come i disturbi alimentari “si associno sempre piu’ spesso a quelli psichiatrici, come depressione, ossessioni e ansia. Ci sono poi – aggiunge – i gesti di autolesionismo e un elevato rischio di suicidi”. Dagli studi e’ anche emerso come “l’insorgenza precoce dei disturbi alimentari abbia una prognosi piu’ severa”. “Con una maggiore lentezza nella guarigione – afferma la dottoressa Dalla Ragione – e con frequenti ricadute nell’eta’ adulta”.

TERAPIE SPECIALIZZATE – Da anoressia, bulimia e piu’ in generale dai disturbi alimentari “si puo’ comunque uscire” e un numero verde sos Disturbi alimentari 800 180969 e’ stato istituito della Presidenza del Consiglio dei Ministri. “Ci sono oggi – spiega ancora la responsabile della rete umbra – terapie molto specializzate. Mancano invece in ambito nazionale strutture riabilitative specializzate ma in questo settore – conclude la dottoressa Laura Dalla Ragione – l’Umbria e’ una regione d’eccellenza”.

DOVE IN UMBRIA – In Umbria la rete per Dca e’ articolata sul territorio. A Palazzo Francisci di Todi si trova il centro, anche residenziale dedicato ad anoressia e bulimia, a Citta’ della Pieve quello che si occupa di obesita’ e ad Umbertide la struttura specializzata per i disturbi dell’eta’ infantile.

(ANSA)

Corcianonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.




Può interessarti anche

Dal mondo

 

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img