spot_img
lunedì 27 Maggio 2024
spot_img

Il Comune di Corciano spera nella Local Tax

Da leggere

tax“Auspichiamo che l’annunciata introduzione della ‘local tax’ non subisca ulteriori rinvii, così da recuperare la piena autonomia finanziaria ai Comuni”. Parole queste dell’Assessore al Bilancio del Comune di Corciano, Franco Baldelli. 

COSA E’ LA LOCAL TAX – La nuova tassa, che avrebbe dovuto riordinare Imu e Tasi ed essere a tutti gli effetti un’imposta di carattere comunale, era prevista nella Legge di Stabilità e doveva entrare in vigore nel 2015 ma è stata rinviata per le sue difficoltà di applicazione. Il suo gettito sarebbe dovuto finire nelle casse delle amministrazioni locali insime all’Imu pagata da capannoni, alberghi e centri commerciali, che al momento viene versata allo Stato.  Come riporta il Sole 24 Ore, due sono gli ostacoli principali: la difficoltà di far quadrare i conti dello scambio fra la «quota erariale» pagata da capannoni, alberghi e centri commerciali che, come detto, nel nuovo sistema sarebbe dovuta passare ai Comuni, e la statalizzazione dell’addizionale Irpef, che avrebbe compensato il bilancio centrale. In secondo luogo, parecchi problemi ha sollevato la costruzione del nuovo «canone unico», che avrebbe dovuto riunire le attuali tasse sull’occupazione del suolo pubblico, l’imposta sulla pubblicità e i diritti sulle affissioni.
IL PATTO DI STABILITA’ – “In un decennio – continua Baldelli – ‘siamo passati’ da circa 10.000 abitanti ad oltre 21.000. In tale contesto paradossalmente il Patto di Stabilità ha ridotto in maniera significativa le risorse utilizzabili e quindi spendibili da parte dell’Amministrazione per far fronte alla crescente domanda di servizi della nuova Popolazione insediata. È per questo – ribadisce – che occorre superare il concetto di spesa storica per passare al più corretto sistema di costi e fabbisogni standard, così come accennato dal Vice Ministro Enrico Morando in occasione del recente incontro di approfondimento sulla  Legge di stabilità tenutosi a Corciano”.
L’INCONTRO CON MORANDO –  “In tale occasione – evidenzia l’assessore – abbiamo avuto modo di segnalare con forza le ‘emergenze’ delle amministrazioni comunali”. Nel ribadire che l’appuntamento ha suscitato l’interesse della popolazione, nonché molti interventi tecnici e puntuali ai quali Morando ha fornito risposte esaurienti, l’assessore non nasconde che la Legge di Stabilità, confermando a carico degli enti locali miliardi di tagli (il 49% della quota relativa ai tagli di spesa dell’intera manovra) costringerà i Comuni ad un’attenta e pesante rivisitazione di ogni voce di spesa.
NON STRAVOLGERE LE PRIORITA’ – “A Corciano – assicura Baldelli – cercheremo, anche quest’anno, di non stravolgere le priorità su cui da sempre abbiamo ‘costruito’ il Bilancio, che sono rappresentate dell’attenzione alla Scuola ed al Sociale, ma è e sarà sempre più difficile se non si supera ‘l’architettura’ del Patto, basti pensare che quest’anno le proiezioni ci dicono che avremo 1,5 mln di trasferimenti in meno!!!! Ci sono pertanto – conclude – risposte che non possono più attendere. Finora ci siamo sempre raccordati con la cittadinanza, parlando chiaramente e condividendo con le persone priorità e significato delle scelte operate. Stiamo tuttavia raschiando il fondo del barile…. Occorre cambiare l’approccio. Questo abbiamo chiesto e chiediamo al Governo. Occorre recuperare un’attenzione vera alle ragioni degli enti locali; la loro virtuosità nei costi non deve incidere sulla capacità di erogare servizi. Siamo pronti a collaborare ma occorre superare le criticità del Patto di Stabilità che non siamo più in grado di sopportare”

Corcianonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.




Può interessarti anche

Dal mondo

 

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img