spot_img
giovedì 29 Febbraio 2024
spot_img

Sangue, l’Avis Umbria denuncia: “A rischio tutto il sistema regionale di donazioni”

Da leggere

avis donatoriL’Avis dell’Umbria manifesta forti preoccupazioni sul futuro del “Sistema Sangue Regionale” e ricorda che è rimasto poco più di un mese alla scadenza di ogni proroga prevista dalla normativa vigente per provvedere alla messa a norma di tutte le strutture (Servizi Immunotrasfusionali e Punti di Raccolta fissi), alla loro autorizzazione, certificazione e accreditamento.
Senza tutto ciò – denuncia l’Avis – il 31 dicembre prossimo il sistema, o parte di esso, sarà “fuori legge” con grave danno per la raccolta di sangue e/o dei suoi componenti in un periodo che manifesta ripetute carenze.
Per l’Associazione sarebbe opportuno che la Giunta verificasse con urgenza se i Direttori Generali delle Aziende ospedaliere e delle AUSL stiano provvedendo, o abbiano già provveduto, a realizzare gli adeguamenti strutturali, di organico, strumentali e procedurali rilevati dai sopralluoghi informali, effettuati presso le strutture del Servizio, e agli stessi comunicati: e preveda che il raggiungimento di tale obiettivo sia tra quelli previsti per la valutazione dell’operato dei Direttori Generali.
Abbiamo la presunzione di pensare – prosegue l’Avis – che se nel Comitato direttivo del Centro Regionale Sangue ci fossero stati i Direttori Generali (presenza prevista dal decreto di nomina) o loro “delegati” con “poteri decisionali” e non “delegati a riferire” al delegante perché decida, lo stato di attuazione della messa a norma del Servizio sarebbe certamente più avanzato se non concluso.
L’Associazione rileva che si potrebbero evidenziare responsabilità politico-amministrative gestionali nel caso di inadempienza, sollecita quindi – così come già fatto ripetutamente in passato senza alcuna risposta – i Direttori Generali, con particolare riferimento a quelli delle Aziende Unità Sanitarie Locali Umbria 1 e Umbria 2, a far sì che venga garantito il rispetto delle norme ed un processo di adeguamento per valorizzare il “dono volontario, periodico, anonimo, gratuito e responsabile” che oltre trentamila donatori effettuato quotidianamente per garantire un servizio e rispondere adeguatamente alle necessità dei malati.
A fronte di ripetute emergenze di carenza di sangue particolarmente presso le due aziende ospedaliere di Perugia e Terni occorre per l’Avis un impegno comune, e ciascuno per le proprie competenze, per dare soluzione al problema e non per aggravarne l’esistenza; al mese di ottobre, si registrano –623 donazioni rispetto a quelle programmate.
L’Avis ricorda che chi è nelle condizioni di donare DONI concordando con la propria Avis, o con i Servizi Immunotrasfusionali, il giorno dell’ACCESSO perché il proprio gesto sia un SERVIZIO alla collettività, non solo un DONO.

Corcianonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.




Può interessarti anche

Dal mondo

 

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img