spot_img
mercoledì 27 Settembre 2023
spot_img

Saldi estivi in Umbria: previsioni positive per gli operatori commerciali

Confcommercio stima un aumento delle vendite del 5% rispetto al 2022

Da leggere

L’attesa è finita: in Umbria, come nel resto d’Italia, sono ufficialmente iniziati i saldi estivi, con l’obiettivo di evitare una concorrenza territoriale e offrire agli acquirenti la possibilità di fare buoni affari. Secondo le stime dell’Ufficio Studi di Confcommercio, ogni famiglia spenderà in media 213 euro, equivalenti a 95 euro pro capite, per un valore totale di 3,4 miliardi di euro.

L’ottimismo è palpabile anche tra gli operatori del settore moda, rappresentati dalla Federazione Moda Italia Confcommercio. Si prevede infatti una crescita delle vendite del 5% rispetto all’anno precedente. Carlo Petrini, presidente di Federmoda Umbria Confcommercio, condivide questo entusiasmo e afferma: “L’andamento dei saldi dipende dall’andamento della stagione che li precede. Fino a maggio è stato freddo, ma ora la vendita vera e propria inizia. I consumatori hanno aspettato tanto per fare i loro acquisti, ma credo che questa sarà una buona stagione”.

L’obiettivo principale dei saldi estivi è offrire ai consumatori l’opportunità di acquistare articoli di moda a prezzi convenienti, rinnovando così il guardaroba estivo con nuovi colori, modelli e tendenze. Tuttavia, è importante seguire alcune linee guida per un corretto acquisto durante i saldi. Confcommercio e Federmoda ricordano alcuni principi fondamentali:

  • Cambi: la possibilità di cambiare un capo dopo l’acquisto è lasciata alla discrezionalità del negoziante, a meno che il prodotto sia danneggiato o non conforme. In caso di difetto, il negoziante ha l’obbligo di riparare o sostituire il capo, ove possibile, altrimenti di ridurne il prezzo o restituire l’importo pagato. È importante segnalare il difetto entro due mesi dalla sua scoperta.
  • Prova dei capi: la decisione di consentire o meno la prova dei capi prima dell’acquisto è a discrezione del negoziante.
  • Pagamenti: i negozianti devono accettare le carte di credito e promuovere i pagamenti cashless.
  • Prodotti in vendita: i capi in saldo devono essere stagionali o di moda e soggetti a un notevole deprezzamento se non venduti entro un determinato periodo di tempo.
  • Indicazione del prezzo: è obbligatorio indicare il prezzo normale di vendita, lo sconto applicato e il prezzo finale, in conformità con il D.lgs 26/2023. Il prezzo normale è il più basso applicato alla maggior parte dei consumatori nei trenta giorni precedenti l’inizio dei saldi.

Con l’avvio dei saldi estivi, si apre una nuova opportunità per i consumatori umbri di approfittare di sconti interessanti e per gli operatori commerciali di stimolare l’economia locale. L’augurio è che questa stagione di saldi si riveli soddisfacente per entrambe le parti coinvolte.

Corcianonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.




Può interessarti anche

Dal mondo

 

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img