spot_img
mercoledì 21 Febbraio 2024
spot_img

È morto l’operaio caduto da sette metri, Pampanelli (Cgil): “Bloccare subito la strage”

Da leggere

È morto l’operaio di 60 anni che ieri è caduto da sette metri di altezza mentre lavorava sul tetto di un capannone a Taverne di Corciano. La notizia è stata resa nota da Simone Pampanelli, segretario generale della Cgil del capoluogo umbro. “Non possiamo continuare a sopportare questo stillicidio quotidiano” sottolinea. L’operaio morto, regolarmente assunto, è caduto mentre svolgeva dei lavori sul tetto del capannone, a causa di un cedimento.
Trasportato all’ospedale di Perugia in codice rosso è stato ricoverato in terapia intensiva dove poi è morto.

“Appena dieci giorni fa – ricorda Pampanelli – abbiamo visto morire un altro operaio di 65 anni schiacciato da lastre di vetro a San Giustino. Morti che si sommano alle altre di inizio anno e alle 19 del 2021 nella nostra provincia. E nei primi due mesi dell’anno l’Inail ha registrato un incremento spaventoso degli infortuni, di quasi il 20%. È evidente che questa tendenza allarmante va immediatamente fermata. Deve essere obiettivo di tutti, a partire dalle istituzioni, bloccare subito la strage”. Per Pampanelli “è fondamentale risvegliare le coscienze e mettere in moto azioni concrete e immediate per garantire salute e sicurezza in tutti i luoghi di lavoro”.

Sull’incidente sono in corso accertamenti coordinati dalla procura di Perugia. Ipotizzato – ha reso noto l’Ufficio – il reato di omicidio colposo aggravato dal mancato rispetto della normativa in materia di infortuni sul lavoro.

Corcianonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.




Può interessarti anche

Dal mondo

 

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img