spot_img
sabato 18 Maggio 2024
spot_img

Scuole in ginocchio e presidi in rivolta: “Troppe responsabilità e pochi strumenti, giovedì sciopero”

Da leggere

Intensa e appassionata la partecipazione dei Dirigenti Scolastici dell’Umbria all’incontro svoltosi a Perugia, in autoconvocazione, per l’esame delle problematiche professionali e per un appello a Sindacati, Ministero, Enti Locali. Pieno il riconoscimento, da parte degli oltre cento capi di istituto della regione, di una situazione non più sostenibile e che richiede con urgenza correttivi sia sul piano giuridico contrattuale, che su quello economico.
Dalle scuole di Corciano, tra i firmatari del documento ci sono anche i dirigenti scolastici Pierpaolo Pellegrino della Direzione Didattica e Daniele Gambacorta dell’Istituto Comprensivo.

LEGGI IL DOCUMENTO FIRMATO DAI PRESIDI

Se nell’immaginario collettivo, il preside è ancora una figura alta e solenne che non ha grandi impegni e che – al pari degli insegnati- lavora mezza giornata e con lunghe ferie estive, la realtà è che questo è un mestiere ben diverso.
I Dirigenti Scolastici hanno una mole di responsabilità e di incombenze straordinarie: sul piano amministrativo, gestionale, manageriale, di sicurezza, in scuole ormai sempre più grandi – con oltre mille alunni- e complesse. Il sovraccarico funzionale rischia di non consentire di usare le energie nel presidiare gli snodi davvero rilevanti relativi alla formazione e alla didattica.

Nel corso dell’incontro, nell’affollata aula magna dell’IIS ” Cavour – Marconi- Pascal” , si sono levate alte voci di protesta per l’eccesso di adempimenti , connessi all’attuazione della Legge sulla Buona Scuola (immissioni in ruolo, organico potenziato, PTOF, valorizzazione del merito, chiamata per competenze, alternanza scuola/lavoro, reti di scuole, valutazione di sistema e delle professionalità), ma ancor più derivanti dall’attuazione delle norme su trasparenza, anticorruzione, sicurezza dei locali scolastici, nuovo codice degli appalti, dematerializzazione, sicurezza informatica.
A differenza delle altre Pubbliche Amministrazioni, nella scuola tutto è in capo all’unica figura dirigenziale. Tante, troppe responsabilità, senza adeguati strumenti per svolgere al meglio i propri compiti. Serve sia una semplificazione, un nuovi modello di governance, e un riconoscimento economico per le accresciute responsabilità professionali.

I Dirigenti Scolastici dell’Umbria parteciperanno con totale e convinta adesione agli appuntamenti sindacali di protesta fissati per giovedì 25 maggio: sit in e manifestazioni a Roma, assemblea sindacale a Perugia, e sciopero. Le diverse sigle hanno messo a punto iniziative diverse, ma comunque tutte atte a sottolineare l’assoluta esigenza di riposizionare la Dirigenza Scolastica in una condizione di adeguatezza economica ( con allineamento retributivo alle altre dirigenze della P.A.) e sostenibilità dei carichi di lavoro.
I Dirigenti Scolastici Umbri saranno in prima fila, determinati a farsi ascoltare dai diversi interlocutori.
Presidi in rivolta, insomma, per tutelare il benessere della scuola tutta.

Corcianonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.




Può interessarti anche

Dal mondo

 

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img