spot_img
lunedì 22 Aprile 2024
spot_img

Storie di tango: da Astor Piazzolla a Borges, al Teatro della Filarmonica

Da leggere

La Stagione di Prosa del Teatro della Filarmonica di Corciano prosegue sabato 19 marzo, alle 21, con Storie di tango. Da Astor Piazzolla a Borges di e con Ciro Masella, la voce recitante, e con i Quartocolore: Francesco Furlanich alla fisarmonica, Pietro Gabriel Horvath al violoncello-contrabbasso e Gabriele Savarese al violino-chitarra. Lo spettacolo è un omaggio alla grandezza, all’unicità e irripetibilità di un artista maiuscolo come Piazzolla, ma anche l’occasione per raccontare il Tango non solo attraverso la musica di Piazzolla, che lo ha reinventato e rivoluzionato, ma anche attraverso gli autori più rappresentativi che lo hanno reso celebre nel mondo, e le parole di poeti e scrittori sublimi come Cesare Pavese, Mario Luzi fino al gigantesco Borges, che al tango ha dedicato memorabili pagine, ricostruendone amorevolmente e certosinamente le origini e le evoluzioni. Lo stesso Piazzolla ha, inoltre, per primo musicato alcuni testi di Borges nel suo disco El Tango.

Storie di Tango è un viaggio nel tempo e nello spazio, nella storia, nella memoria ma anche nel presente di una musica e di un ballo che rimangono ancora oggi indelebilmente impressi nel nostro immaginario.
Astor Piazzolla nasceva l’11 marzo 1921, 100 anni fa, a Mar de Plata (Argentina) da una famiglia di origini italiane emigrata in Argentina: Vicente Piazzolla (chiamato “Nonino”) originario di Trani in Puglia, e Assunta Manetti, la cui famiglia invece proveniva dalla Toscana. Sua la rivoluzione della musica argentina classica che gli provocò non pochi nemici nel suo Paese: è noto, infatti, soprattutto per essere stato tra i primi a integrare nel tango e nel repertorio della tradizione musicale argentina elementi di jazz e di musica contemporanea, uscendo completamente dai canoni imposti dai dettami dell’epoca. Per le sue commistioni di tango e jazz fu il catalizzatore di pesanti critiche rivolte al nuevo tango dai puristi del genere, che lo definirono el asesino del Tango (l’assassino del tango).

Per accedere a teatro sono necessari Super Green Pass e mascherina di tipo ffp2.
Si può prenotare telefonicamente, al Botteghino Telefonico Regionale del Teatro Stabile dell’Umbria 075/57542222, tutti i giorni feriali, dalle 16 alle 20. I biglietti prenotati vanno ritirati un’ora prima dello spettacolo, altrimenti vengono rimessi in vendita. È possibile acquistare i biglietti anche online sul sito del Teatro Stabile dell’Umbria

Corcianonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.




Può interessarti anche

Dal mondo

 

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img