spot_img
martedì 23 Luglio 2024
spot_img

Gesenu smonta la diffida della Regione: “Le criticità appartengono al passato”

Da leggere

La Gesenu fornisce chiarimenti sulla diffida che la Regione di recente le ha inviato in merito alla discarica di Pietramelina, impianto inattivo da fine 2016 a seguito dell’inchiesta della procura perugina sulla vecchia gestione della società di smaltimento rifiuti.
Per Gesenu negli ultimi giorni sono circolate alcune inesattezze.
“Va ricordato – scrive il gestore – che la Determinazione con cui il Servizio Autorizzazioni Ambientali della Regione ha diffidato Gesenu si basa su una precedete relazione del Nipaf del Corpo Forestale.
La relazione evidenziava una serie di criticità per lo smaltimento dei rifiuti a Pietramelina che si collocano nel periodo tra il 2013 ed il 2015. Fu la Provincia di Perugia (a quel tempo competente in materia) a contestare quelle criticità, che subito Gesenu si impegnò a sanare.
“La diffida – commenta Gesenu – non appare la modalità più adatta a trattare situazioni riferite agli anni passati, non ascrivibili all’attuale gestione e comunque già da tempo sanate”.
Inoltre la diffida della regione contiene anche due raccomandazioni: quella di non superare le 50mila tonnellate annue di materiale trattabile in discarica e la richiesta di preparare un studio sulle emissioni maleodoranti provenienti dall’impianto di Pietramelina.
Nel primo caso Gesenu parla di paradosso poiché la direzione regionale aveva già chiesto appena quattro giorni prima della diffida, di presentare per metà giugno una valutazione aggiornata della capacità di trattamento dell’impianto, valutazione che Gesenu sta approntando per trasmetterla nei tempi.
In entrambi i casi però – chiosa Gesenu – siamo di fronte a delle prescrizioni che mal si conciliano con l’istituto della diffida che andrebbe utilizzato per circostanze ben più gravi.
Intanto mercoledì 7 giugno è in programma una visita guidata a Pietramelina. I vertici Gesenu presenteranno gli interventi di manutenzione straordinaria realizzati presso l’Impianto e le tappe che rimangono da fare per il riavvio del conferimento.

Corcianonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.





Può interessarti anche

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img