spot_img
sabato 18 Maggio 2024
spot_img

In Umbria diminuiscono i detenuti: tutti i numeri nella relazione del Garante

Da leggere

“La popolazione carceraria in Umbria e’ diminuita di 220 unita’, transitando da 1563 a 1343 detenuti, a fronte di una capienza di 1324 posti. Dei 1343 detenuti presenti nei quattro istituti umbri alla data del 28
febbraio 2015, 1033 sono definitivi, mentre 310 sono in custodia cautelare”.

I NUMERI – “Gli stranieri sono 386, circa il 30 per cento del totale, le donne 41. Solamente 6 i semiliberi. Il 57 per cento dei detenuti definitivi sta scontando una pena inferiore ai 5 anni, vale a dire che, in considerazione delle ulteriori detrazioni concedibili attraverso la liberazione anticipata, queste persone sono in grado di vantare un’aspettativa qualificata alla concessione dell’affidamento in prova ai servizi sociali”. Questi i numeri sulla situazione carceraria umbra contenuti nella relazione del Garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della liberta’ personale, professor Carlo Fiorio, illustrata in Aula dal presidente della commissione sanita’ e sociale, Attilio Solinas.

I PROBLEMI – I principali problemi evidenziati, oltre a quelli rappresentati dai detenuti sulle dimensioni ridotte delle stanze e sulla bassa temperatura, sulla scarsa qualita’ del cibo e poche possibilita’ di svago, sono costituiti dal probabile accorpamento del provveditorato umbro sull’amministrazione penitenziaria a quello della Toscana.

ATTIVITA’ CULTURALI E VISITE – Evidenziata l’importanza delle attivita’ culturali che affievoliscono le conflittualita’ della detenzione, come ad esempio il teatro, e l’utilita’ di mettere a contatto le scuole con la popolazione carceraria, per una migliore cognizione sociale delle problematiche connesse. Sottolineato l’incremento delle visite, per esempio alla domenica, per non discriminare i figli delle persone detenute, e la necessita’ di implementare i trasporti verso le strutture detentive.

(AGI)

Corcianonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.




Può interessarti anche

Dal mondo

 

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img