spot_img
sabato 18 Maggio 2024
spot_img

Edilizia abitativa sperimentale, a Corciano parte dei 74 alloggi finanziati dal bando regionale

Da leggere

Rendering edilizia sperimentaleVerranno costruiti anche a Corciano parte dei 74 gli alloggi finanziati dal bando regionale rivolto a imprese di costruzione e cooperative di abitazione per la nuova costruzione di alloggi che adottino sistemi e tecniche costruttive indirizzate alla sostenibilità ambientale, alla bioarchitettura, all’efficienza energetica, all’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili. Con l’assegnazione definitiva dei finanziamenti avvenuta nei giorni scorso, è giunto così a compimento il percorso iniziato nel novembre 2011 con l’emanazione del bando di concorso, inserito all’interno del Piano regionale di edilizia abitativa e finanziata con fondi regionali. Già nell’ambito dei primi due piani triennali, è stata finanziata, per un importo pari ad 8.493.000 euro, l’attuazione di 229 alloggi con caratteristiche proprie della bioarchitettura e dell’edilizia sostenibile, a cui vanno aggiunti gli altri 74 presentati oggi (i cui lavori partiranno a settembre); in totale, si parla di 303 alloggi in undici comuni della Regione, per un finanziamento complessivo di 11.083.000 euro.

I COMUNI INTERESSATI – I progetti ammessi a finanziamento – riferisce un comunicato della Regione – sono stati presentati questa mattina dall’assessorato regionale alle politiche abitative, nel corso di un incontro che si è tenuto nella sede dell’Associazione nazionale costruttori edili dell’Umbria. “Attraverso un’attenta selezione e valutazione compiuta da parte della commissione tecnica appositamente costituita dalla Giunta regionale e composta da rappresentanti della Regione, dell’Università degli studi di Perugia e dei professionisti – spiega la nota – sono stati assegnati contributi per un totale di 2.590.000 euro che consentono la realizzazione complessiva di 74 alloggi con caratteristiche di bioarchitettura nei comuni di Amelia, Corciano, Foligno, Perugia e Terni“.

L’APPELLO (ANCHE) AL COMUNE DI CORCIANO – Gli interventi verranno realizzati in aree di proprietà pubblica messe a disposizione dalle varie amministrazioni comunali che hanno anche fissato il costo di acquisto dell’area e la relativa incidenza media ad alloggio in tre Comuni è molto alta e addirittura in due (Corciano e Foligno) è superiore al contributo regionale. “Senza voler minimamente interferire nell’autonomia amministrativa dei singoli Comuni sarebbe però opportuno che le rispettive amministrazioni valutino se esistono le condizioni per un revisione del costo dell’area al fine di calmierare il prezzo di cessione degli alloggi – spiega la nota della Regione – perché è evidente che il costo dell’area incide in maniera direttamente proporzionale sul prezzo di acquisto di ogni singolo alloggio e pertanto è interamente a carico dei nuclei familiari acquirenti, e pertanto saranno esclusivamente quest’ultimi a beneficiare dell’eventuale riduzione del costo dell’area”.

GLI ALLOGGI – Gli alloggi realizzati sono destinati alla vendita a favore di nuclei familiari in possesso dei requisiti soggettivi previsti dalla legge, al prezzo stabilito nella convenzione da stipulare con il Comune dal quale dovrà essere detratto il contributo spettante a ciascun acquirente, che in sede di programmazione è stato determinato in 35.000 euro. I beneficiari del contributo, pertanto, sono gli acquirenti degli alloggi. A fine lavori tale importo può comunque variare in relazione alla superficie complessiva dell’alloggio ed alla fascia di reddito del nucleo familiare dell’acquirente.

I VANTAGGI DELLA BIOARCHITETTURA – “Appare importante sottolineare – secondo la Regione – la qualità degli edifici che verranno costruiti, progettati con sistemi e tecniche costruttive proprie della bioarchitettura e della sostenibilità ambientale, che sicuramente permetteranno, una volta conclusi i lavori, il raggiungimento delle finalità previste dal bando in termini di risparmio energetico e di risorse naturali, di utilizzo di fonti energetiche rinnovabili e di comfort abitativo secondo i principi dello costruire sostenibile. Il bando di concorso ha dato esiti più che positivi sia in termini di partecipazione che di qualità progettuale segnando un punto alto di collaborazione pubblico-privato per il miglioramento della qualità dell’abitare”.

L’IMPEGNO DELLA REGIONE – “Questi interventi sperimentali – continua la nota – testimoniano un impegno importante, seppur parziale e condizionato dalla progressiva e costante diminuzione dei finanziamenti statali, della Regione Umbria verso un progetto ambizioso finalizzato a far crescere la disponibilità di case ecologiche che invece di consumare energia, ne producano di pulita, che migliorino il comfort abitativo con l’utilizzo di materiali ecologici, che riqualifichino e recuperino aree determinando un inserimento nel territorio compatibile con l’ambiente e il paesaggio. In questi ultimi anni, la Regione non ha potuto rispondere in termini ‘quantitativi’ al notevole fabbisogno manifestato dalle famiglie umbre, ma nella realizzazione dei “pochi” interventi non ha sottovalutato il tema della riqualificazione energetica e della sostenibilità ambientale che invece di consumare energia, ne producono di pulita, che migliorano il comfort abitativo con l’utilizzo di materiali ecologici, che riqualificano e recuperano aree determinando un inserimento nel territorio compatibile con l’ambiente e il paesaggio”.

Corcianonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.




Può interessarti anche

Dal mondo

 

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img