spot_img
lunedì 17 Giugno 2024
spot_img

“Parent” il metodo danese per crescere bambini felici

Da leggere

Da 40 anni la Danimarca è in vetta alla classifica del World Happiness Report, la classifica dei Paesi più felici stilata ogni anno dalle Nazioni Unite. E proprio partendo da questo dato  la psicologa danese Iben Sandahl e la giornalista americana, sposata con un danese, Jessica Alexander sono andate a ricercare l’origine di questa felicità. Il risultato è che alla base di questo appagamento c’è il modo in cui genitori e figli si relazionano. Così le due esperte hanno deciso di mettere a punto una guida pratica per spiegare ai genitori di tutto il mondo il segreto delle famiglie danesi: “Il metodo danese per crescere bambini felici” (Newton Compton Editori). Le autrici hanno chiamato questo metodo P.A.R.E.N.T. (genitore in inglese), che è un acronimo di: Play (gioco), Authenticity (Autenticità), Reframing (ristrutturazione), Empathy (empatia), No Ultimatums (nessun ultimatum), Toghetherness (intimità).

  1. Play (Giocare): le autrici raccontano nel loro libro che in Danimarca i bambini vengono lasciati giocare molto di più che in altri Paesi, tra questi l’Italia, dove i genitori tendono a programmare i pomeriggi dei figli con tante attività extrascolastiche (sportive, musicali, linguistiche…). E’ il gioco libero che insegna ai bambini ad essere meno ansiosi e a sviluppare la resilienza, cioè la capacità di saper gestire le emozioni e lo stress.
  2. Authenticity (Autenticità): siate sinceri e aiutate i figli a riconoscere e accettare i loro sentimenti autentici, buoni o cattivi. Cercate di dire sempre la verità e siate autentici nel lodare i bambini. Troppi complimenti possono suonare vuoti e falsi e non aiutano l’autostima. Rendete i bambini consapevoli di poter padroneggiare un’abilità, piuttosto che illuderli di esserne già padroni. La lode per l’impegno e la perseveranza promuove la motivazione.
  3. Reframing (Ristrutturazione): ristrutturare significa affrontare una situazione spiacevole da un’altra prospettiva, in modo che appaia un po’ meno negativa. Cercate con i vostri piccoli di trovare il lato positivo delle cose. Potete ricorrere a due aiuti: il senso dell’umorismo e il ricordo di un momento passato felice.
  4. Empathy (Empatia): Per educarli all’empatia dovete aiutare il vostro bambino a capire le emozioni degli altri e allo stesso tempo a sperimentare le sue. Quindi davanti al bambino che piange ditegli “Perché piangi? Cosa ti fa arrabbiare?”. Dimostrate di comprenderlo “Capisco che tu sia triste” e non sminuite i suoi sentimenti dicendo frasi tipo: “Dai non essere triste!”.
  5. No ultimatums (Nessun Ultimatum): l’approccio genitoriale dei danesi è basato più sull’autorevolezza che sull’autoritarismo. Quindi no a punizioni o sculacciate e niente bracci di ferro o ultimatum.
  6. Togetherness (intimità): uno dei segreti delle famiglie danesi è il loro stile di vita: passare più tempo possibile insieme ad amici e parenti. E creare in casa un’atmosfera intima e accogliente: accendendo le candele, giocando insieme, preparando del buon cibo, gustando una torta e una tazza di tè, il tutto godendo della reciproca compagnia e intimità.

Giada Gatti

 

Corcianonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.




Può interessarti anche

Dal mondo

 

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img