spot_img
martedì 25 Giugno 2024
spot_img

Furto all’associazione ‘Uno in più’, la psicologa Carnevali: “Oltre i danni, è una grave offesa”

Da leggere

associazione-uno-in-piuUn furto che ferisce tutti più del solito quello che ha colpito, presumibilmente la notte di domenica 23 ottobre, l’associazione sanmarianese “Uno in più” di Via Amendola 1.
Per i componenti dell’associazione, che si occupa di aiutare i bambini con sindrome di Down e dare supporto alle loro famiglie, non si tratta solo di un furto materiale ma di un danno molto più grave poiché coinvolge tutti coloro che con amore, passione e sacrificio si sono dedicati e si dedicano a sostenere con i propri mezzi e il proprio lavoro questi bambini.

Per fortuna i danni non sono stati ingenti e i beni sottratti non sono di altissimo valore, infatti – come ha spiegato la psicologa corcianese Lenida Carnevali, coordinatrice delle attività terapeutiche dei ragazzi: “Chi ci conosce si rende subito conto che non ci sono qui cose di grande valore; pensiamo si possa trattare anche di una ragazzata”.
Questo sospetto, racconta sempre la dott.ssa Carnevali, è dato dal fatto che nei locali dell’associazione sono stati trovati diversi mozziconi di sigarette, come se gli ignoti si fossero messi a fumare e chiacchierare senza timore di essere visti.
Il furto è stato scoperto la mattina di lunedi 24 ottobre; subito è stato dato l’allarme e sono intervenute le forze dell’ordine che non hanno però trovato indizi utili per arrivare ai colpevoli. “Ci siamo salvati per fortuna dal cattivo impatto psicologico che i bambini avrebbero potuto avere con le loro famiglie se fossero arrivati prima di noi in associazione”, ha sottolineato la dott.ssa Carnevali.

È il terzo furto che “Uno in più” subisce in un anno e tutti riguardano oggetti che sono stati ricevuti in dono; solo in quest’ultimo è stato prelevato uno strumento musicale di proprietà della musicoterapista.
A causa del furto sono state sospese le numerose attività in programma per la giornata sia di musicoterapia che di logopedia: “Il danno ha provocato anche una perdita di momenti formativi per i bambini non più recuperabile” – ha concluso la dott.ssa Carnevali che in accordo con la presidente dell’associazione Fabiola Falchi sente questa violazione come un’offesa non solo all’associazione ma all’intera comunità che la sostiene.
L’associazione, per chi volesse dare il proprio contributo, ricorda che a breve saranno pronti i calendari 2016 con i bambini e la squadra del Perugia calcio.

Simona Trentini

Corcianonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.





Può interessarti anche

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img