spot_img
sabato 13 Aprile 2024
spot_img

Difesa dei redditi medio-bassi, saltato l’accordo fra la Cgil e i comuni di Corciano, Perugia e Torgiano

Da leggere

spi cgilLe amministrazioni aumentano le tasse senza pensare ai redditi di lavoratori e pensionati.
Questa in sostanza la denuncia di Cgil e Spi Cgil della provincia di Perugia che insieme alla Lega Spi Cgil di Perugia hanno indetto una conferenza per spiegare le ragioni del mancato accordo con i comuni di Perugia, Torgiano e Corciano sui rispettivi bilanci 2015.
“Il nostro intento – hanno spiegato i sindacati – è quello di salvaguardare i redditi medio bassi da lavoro dipendente e da pensione a fronte dell’aumento della tassazione locale anche in conseguenza del taglio dei trasferimenti dallo Stato agli enti locali; un altro obiettivo – hanno aggiunto – è quello di rendere il più possibile omogeneo a livello territoriale le esenzioni e il carico di tassazione e tariffe”.

L’ACCORDO CON L’ANCI E COSA PREVEDE – A questo scopo i sindacati confederali Cgil, Cisl e Uil e i segretari generali dei pensionati il 26 giugno scorso hanno firmato un protocollo d’intesa con l’ANCI Umbria, l’Associazione dei Comuni Italiani.
I punti qualificanti di quell’accordo – si legge in un comunicato – prevedono una progressività nelle esenzioni IRPEF e una soglia di esenzione compresa tra 12.500 e 15.000 euro lordi, il recupero dell’evasione fiscale, l’ISEE come base di calcolo per imposte, tariffe e tasse comunali, risorse aggiuntive da parte dei bilanci comunali da destinare a soggetti non autosufficienti e all’incentivazione del volontariato e dei centri di aggregazione per gli anziani.

I RAPPORTI CON IL COMUNE DI CORCIANO – Per il comune di Corciano – scrive la Cgil – prendendo positivamente atto della invarianza della spesa sociale rispetto al 2014, della riduzione della Tasi (dal 3,3 per mille al 3,1 per mille) e dell’impegno della stipula del patto antievasione con l’Agenzia delle Entrate, non riteniamo che ci sia stato un impegno per introdurre un aumento dell’esenzione IRPEF fermo a 9.000 euro lordi e la progressività per scaglioni di reddito. Prevedendo differenziazioni tra redditi da lavoro dipendente, da pensione e da lavoro autonomo o da impresa, la diminuzione delle entrate sarebbe minima.
La contrattazione con il comune di Corciano per noi non è chiusa ma intende continuare sulla base di un impegno per una rimodulazione diversa dell’addizionale IRPEF, anche in sede di assestamento di bilancio.

GLI ALTRI DUE COMUNI – Il comune di Torgiano, con cui ci sono stati incontri informati – scrive la Cgil – non ha convocato i sindacati, nonostante il sindaco ricopra la carica di vice presidente dell’Anci.
Per il comune di Perugia la situazione è grave, in quanto oltre a non operare diminuzioni delle imposte, come quasi tutti i comuni (è di questi giorni l’allarme lanciato dalla Corte dei Conti sull’incremento progressivo della pressione fiscale da parte dei comuni), ha presentato un bilancio di previsione 2015-2017 imperniato su forti tagli alla spesa sociale.

Corcianonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.




Può interessarti anche

Dal mondo

 

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img