spot_img
mercoledì 28 Febbraio 2024
spot_img

Il Tetris compie 30 anni, non solo passatempo ma anche rimedio contro lo stress

Da leggere

tetrisQuanti corcianesi negli anni ’80 hanno passato ore ed ore davanti ai videogames per giocare al mitico Tetris? Quanti di loro ricordano ancora la sua colonna sonora, tormentone che rimanda a melodie russo-balcaniche?
Di sicuro sono moltissimi gli appassionati di questo gioco che continua a coinvolgere generazioni compiendo oggi l’età di 30 anni e rimanendo tra i videogiochi più venduti di tutti i tempi.
Il Tetris, inventato dall’ingegnere russo Alexey Pajitnov il 6 giugno 1984, oltre ad aver invaso ogni tipo di console e piattaforma è entrato anche in corsia per dare una mano alle vittime di stress post trauma.
Sono bastate due settimane a Pajitnov per mettere a punto il codice del Tetris, i cui diritti sono stati donati forzatamente all’Unione Sovietica, che all’epoca non prevedeva la proprietà privata. Dall’Urss il gioco è stato portato in Ungheria, e da lì è arrivato nel mondo occidentale, divenendo famoso soprattutto dopo che nel 1989 la Nintendo ne realizzò una versione per il Game Boy appena uscito. “Quando penso ai guadagni dovuti al gioco – ha affermato Pajitnov, che non ha mai visto riconosciuti i diritti sul gioco – perdo il mio senso dell’umorismo”.
Oltre ad essere uno dei passatempi più amati ancora oggi, il Tetris ha anche un’utilità per la salute. A scoprirlo sono stati i ricercatori dell’università di Oxford in uno studio pubblicato su Plos One. Se usato poche ore dopo un trauma il gioco sarebbe in grado, più degli altri, di evitare i ‘flashback’ che causano lo stress post traumatico.

Corcianonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.




Può interessarti anche

Dal mondo

 

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img