spot_img
lunedì 20 Maggio 2024
spot_img

Difesa del Made Italy, Coldiretti coinvolge il Comune nella sua battaglia per l’etichettatura

Da leggere

La Coldiretti provinciale si è rivolta anche al Comune di Corciano per condividere le iniziative dell’associazione a tutela del vero Made in Italy agroalimentare, con particolare riguardo al settore delle carni suine.
Coldiretti spiega che soprattutto in un momento di crisi come quello attuale, il Made in Italy può rappresentare una leva per il rilancio dell’economia e della crescita occupazionale.
A livello nazionale l’agroalimentare tutto italiano 
registra un fatturato superiore ai 266 miliardi di euro e rappresenta oltre il 17% del prodotto interno lordo. In Europa invece il Made in Italy agroalimentare si caratterizza per suoi primati in termini di maggior valore aggiunto per ettaro, livello di sicurezza e sistema dei controlli degli alimenti, prodotti a denominazione protetta e produzioni biologiche.
L’importanza del marchio “Italia” è rappresentata dalla crescita costante delle esportazioni dei nostri prodotti, ammirati e – purtroppo – imitati in tutto il mondo.
Secondo Coldiretti occorre prevenire e contrastare l’usurpazione del Made in Italy assicurando la qualità dei prodotti poiché la circolazione di alimenti che evocano una origine ed una fattura italiana che in realtà non possiedono pregiudica l’immagine del patrimonio agroalimentare nazionale.
L’associazione agricola mette l’accento sul settore delle carni suine, fra i più afflitti dalla contraffazione. Dai controlli effettuati sui prodotti in commercio, infatti, si riscontrano spesso violazioni della disciplina in materia di presentazione e pubblicità e più in generale iniziative ingannevoli, fraudolente e scorrette messe in atto per far intendere al consumatore che i prodotti acquistati sono di origine e di tradizione italiana. Coldiretti ricorda quindi che i regolamenti comunitari impongono come obbligatoria l’etichettatura con l’indicazione del paese d’origine o del luogo di provenienza per molti prodotti, tra cui le carni di maiale.
Nella sua battaglia per la difesa dei prodotti italiani la Coldiretti è alla ricerca dell’appoggio delle amministrazioni comunali, non ultima quella di Corciano che ha risposto positivamente all’invito anche con l’obiettivo di tutelare le aziende agroalimentari del territorio.
Il Comune, in particolare, si è impegnato a promuovere in ambito locale e nazionale il rispetto dell’etichettatura dei prodotti alimentari Made in Italy e tutte le iniziative volte a non indurre in inganno i consumatori.
Inoltre, nel caso vengano riscontrate irregolarità che lo coinvolgono direttamente, il Comune valuterà azioni legali a tutela della propria immagine e di quella del sistema produttivo ed occupazionale comunale.

Corcianonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.




Può interessarti anche

Dal mondo

 

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img