spot_img
giovedì 29 Febbraio 2024
spot_img

Meno di un mese alla Maturità, l’esame di stato torna al “passato”

Da leggere

Manca meno di un mese agli esami di maturità che tornano alla forma ‘pre-covid’: il 21 e 22 giugno infatti, dalle 8,30, mezzo milione di maturandi italiani sarà alle prese con le due prove scritte a carattere nazionale, stabilite dal ministero, seguite da un colloquio. A fare ancora eccezione saranno i Pcto (Percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento), che non sono requisito di ammissione all’esame ma potranno essere oggetto del colloquio, se svolti. Le prove Invalsi invece, che non concorrono alla valutazione, sono requisito per l’ammissione. Per la prima volta dopo la pandemia, dunque, tutte le prove scritte (prima, seconda e terza solo per alcuni indirizzi) saranno a carattere nazionale, a eccezione degli istituti Professionali di nuovo ordinamento. Tra le novità, l’introduzione della seconda prova scritta per gli Istituti Professionali di nuovo ordinamento: si tratterà di un’unica prova integrata che non verterà su discipline scolastiche ma sulle attività svolte durante il percorso di studi.

La prima prova per tutti come sempre è il tema di italiano. Ha una durata massima di sei ore e si potrà scegliere tra sette diverse tracce.
La seconda prova riguarda le discipline che caratterizzano il corso di studi. Durante tutti gli scritti è vietato l’uso dei telefoni cellulari, smartphone e smartwatch.
Nel colloquio, che prenderà avvio da uno spunto scelto dalla Commissione, verranno valorizzati il percorso formativo e di crescita, le competenze, i talenti, la capacità dello studente di elaborare, in una prospettiva pluridisciplinare, i temi indicati nel documento del Consiglio di Classe che le scuole hanno predisposto entro il 15 maggio.

Il voto finale dell’esame di Stato sarà determinato dalla somma dei punti assegnati per il credito scolastico, le due prove scritte e il colloquio. Sarà possibile ottenere fino a 5 punti bonus. Il punteggio massimo sarà di 100, con la possibilità di ottenere la lode.
La commissione d’esame sarà composta da un presidente esterno, tre commissari interni e tre esterni, con il ministero che stabilirà le discipline assegnate ai membri esterni. Per essere ammessi all’esame, i candidati dovranno soddisfare determinati requisiti, tra cui un voto non inferiore a 6/10 nelle singole discipline, un voto in condotta non inferiore a 6/10, una frequenza di almeno tre quarti del monte ore annuale personalizzato e la partecipazione alle prove Invalsi 2023. Per l’anno in corso, non sarà necessario svolgere le attività Pcto per l’ammissione.

Corcianonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.




Può interessarti anche

Dal mondo

 

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img