spot_img
mercoledì 24 Aprile 2024
spot_img

Dalle ombre della storia spunta l’Osservatorio di Solomeo, un’associazione di apicultura che superava i confini regionali e nazionali

Da leggere

Singolare scoperta nel Comune di Corciano, che affonda le sue radici nella storia di oltre cent’anni fa e ne rivela dimensione internazionale, nota già allora e legata all’ecologia, in particolare al mondo delle api. A darne notizia è Gianfranco Cialini, attuale presidente e fondatore del Lions Club di Corciano Ascanio della Corgna, già direttore della Biblioteca centrale della facoltà di medicina e chirurgia e curatore del Fondo antico dell’Università degli Studi di Perugia. Personaggio eclettico, noto per le ghiotte scoperte archivistiche e storiche tra cui il ritrovamento di alcuni frammenti di manoscritti ebraici nella biblioteca del dottorato dell’Università degli studi di Perugia e il rinvenimento delle ossa del marchese Ascanio della Corgna (a cui – anticipa – “entro pochi mesi, verrà data giusta sepoltura” – ndr), si è imbattuto in una particolare cartolina postale, da cui si deduce che a Solomea era attivo un Osservatorio facente parte di un’associazione di apicultura, che superava i confini regionali e nazionali.

“Ho acquistato la cartolina su ebay – racconta Cialini – è una cartolina di Solomeo con la foto di una casa con degli alveari. La scritta riporta ‘Solomeo – R. (Regio) Osservatorio Apistico’ con la data del 31 marzo 1905. Affrancata, venne spedita dall’Ufficio postale di S. Mariano a Elise Sicard, Golfe Juan (Vallis Aurea) Alpes Maritimes France. Sul frontespizio a fianco della foto – prosegue Cialini – è riportata la frase in francese ‘Souvenir d’ amitié , votre amie affilié’”. Tanto è bastato per solleticare lo spirito del ricercatore e dare corpo alla storia. “Da ricerche effettuate e con la consulenza di Tiziano Gardi docente di Apicultura all’Università di Perugia e dell’antropologo Luciano Giacchè – prosegue lo storico – ho scoperto che in quell’ anno era direttore dell’Osservatorio di Solomeo il maestro della locale scuola rurale Pietro Monini.. Pietro Monini oltre essere un valente maestro era un apicoltore e aveva pubblicato diverse opere delle quali tre sono conservate presso le biblioteche dell’Università di Perugia”.

La ricerca certosina, ovviamente non si è fermata ed oltre a reperire i testi di Monini (Corso elementare di agraria teorico-pratico redatto in compendio per uso delle scuole rurali, Perugia 1898; L’ apicultura nel perugino, l’alveare rustico e il metodo empirico, Perugia, 1902; L’ empirismo in apicultura e il metodo razionale: manuale pratico-teorico, Perugia 1908), Gianfranco Cialini ne ha approfondito la figura, arrivando a comprendere che aveva conosciuto l’apicultrice francese Sicard che abitava in Costa Azzurra dove c’era e ci sono ancora oggi apicoltori – a differenza della zona di Solomeo. “Bisogna comunque sottolineare – dice ancora l’eclettico storico – che nel Censimento dell’ Agricoltura del 1921 la provincia di Perugia risultava possedere il maggior numero di alveari in Italia (22.600). Petro Monini era nato a Perugia nel 1860, morirà a Solomeo il 1 giugno 1911 all’ età di 51 anni, dei quali 17 vissuti a Solomeo come Maestro.

Nel cimitero Solomeo sono conservati i suoi resti in un sarcofago sormontato da una lapide con la sua foto che riporta la scritta ‘Qui Dorme Il Sonno Dei Giusti Pietro Monini Di Anni 51 M. Il 1 Giugno 1911 – Valente Apicoltore Per 17 Anni Maestro Di Solomeo – I Numerosi Allievi Ed Amici Q M P’ e sotto è riprodotta un alveare con delle api”. La storia racconta che con la morte di Pietro, Solomeo perderà l’ Osservatorio dell’apicultura e la fama internazionale acquisita che oggi, a 112 dalla morte viene riscoperta attraverso una sua cartolina. “Di tutto ciò è stato informato il Sindaco di Corciano e data comunicazione all’ imprenditore Brunello Cucinelli” conclude Cialini, assicurando che “il Lions Club si riserva di organizzare una conferenza, a breve, durante la quale saranno illustrati i particolari del ritrovamento”.

Corcianonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.




Può interessarti anche

Dal mondo

 

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img