spot_img
mercoledì 21 Febbraio 2024
spot_img

Violenza di genere: l’avvocato Nicodemo Gentile presenta in TV il suo nuovo libro “Il padrone”

Da leggere

È uscito da poche settimane il terzo libro dell’avvocato penalista Nicodemo Gentile, corcianese d’adozione. Il volume, dal titolo “Il Padrone. Storia di una manipolazione, storia di una tragedia” ripercorre la terribile vicenda di Sara Di Pietrantonio, barbaramente uccisa dal fidanzato.
L’avvocato Gentile ne parlerà durante la trasmissione “Il Caffè” condotta dal giornalista Lorenzo Lotito su Retesole (canale 13) giovedì 9 gennaio alle 20.30.
Gentile ripercorrerà anche la pubblicazione del suo primo libro “Laggiù tra il ferro: storie di vita, storie di reclusi” (Imprimatur, 2017) e il suo secondo lavoro del 2018 “Nella terra del niente. Storie di scomparse, storie di famiglie” (Faust Edizioni, 2018). Come questi volumi, anche l’ultimo lavoro di Nicodemo Gentile ha preso forma grazie alla sua lunga esperienza nel campo del diritto penale.

Al centro della narrazione – fluida, potente, diretta – che il penalista ci restituisce, c’è la storia di Sara e Vincenzo. Un amore come tanti, non fosse per il tragico, drammatico epilogo. Ripercorrendo la storia, amara, di questa giovane donna, Gentile indaga la figura del manipolatore, ci pone riflessioni sul confine tra gelosia e possessione, tra amore e negazione. Una testimonianza autentica di chi, in primis, è sceso in campo per sostenere le tante famiglie che, per mano di “manipolatori” e “padroni”, ora piangono una figlia, una sorella, un’amica.

Nicodemo Gentile, nato a Cirò, è un avvocato penalista-cassazionista. In qualità di legale di Penelope Italia, Associazione che si occupa di assistenza ed aiuto ai familiari di persone scomparse, si è costituito parte civile nel processo relativo all’ omicidio di Roberta Ragusa e Guerrina Piscaglia.
Sempre come parte civile, ha partecipato al processo relativo all’omicidio di Sara Scazzi, in qualità di difensore di fiducia della mamma di Sara. Come parte civile ha celebrato il processo per l’omicidio di Roberta Ragusa e a quello per l’omicidio di Guerrina Piscaglia, quello instauratosi a seguito dell’omicidio della giovane Sara Di Pietrantonio, uccisa e data alle fiamme dal fidanzato Vincenzo Paduano e ha seguito il processo contro Riccardo Viti, l’idraulico processato e condannato per l’omicidio di una prostituta in Firenze e per la violenza sessuale su altre donne.
In qualità, invece di legale degli imputati ha partecipato al processo per l’omicidio di Melania Rea, difendendo il marito Salvatore Parolisi, al processo per l’omicidio di Meredith Kercher, difendendo Rudy Guede e al processo per il c.d. omicidio dell’Olgiata, difendendo Winston Manuel Reyes, condannato per l’assassinio della contessa Alberica Filo della Torre. Attualmente, in qualità di legale delle persone offese, sta seguendo i procedimenti relativi alla morte a seguito di caduta dal balcone di Annamaria Sorrentino, la miss sordomuta morta in Calabria nell’Agosto 2019 e quello relativo alla misteriosa scomparsa della donna marocchina Samira El Attar, scomparsa da Stanghella.

Corcianonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.




Può interessarti anche

Dal mondo

 

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img