spot_img
giovedì 23 Maggio 2024
spot_img

Allarme alcol tra i giovani: in Umbria già a 11 anni in coma etilico

Da leggere

Più del 12% dei minori umbri si ubriaca abitualmente e 800 mila in Italia fanno un abuso di alcol. Da un’indagine Istat è emerso che oltre 50 mila giovani cercano lo sballo immediato prendendo 5-6 shot in 30 minuti. Questi sono i dati allarmanti sul fenomeno resi noti nel corso di un convegno dal titolo “I giovani e l’alcol: i nuovi allarmi sociali” tenuto nella giornata di all’Ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia al quale hanno preso parte numerose autorità ed esperti.

“La media umbra di consumo di alcool – afferma il responsabile del servizio alcologia–Goat dr. Luciano Bondi – è molto elevata: oltre il 67% è la popolazione sopra i 14 anni, il 15,5% fa un consumo di alcool a rischio, il 5,8% fanno il binge drinking, l’1,4% consumo ad alto rischio e lo 0,6% sono, invece, alcool dipendenti. Solamente il 40% sono i consumatori a basso rischio – afferma Bondi-. Il 19% dei ragazzi tra gli 11 e i 17 anni hanno un comportamento a rischio tra questi il 4% fa un consumo giornaliero di alcool e il restante 15% ha un consumo più occasionale”.

Il tema dell’alcol tra i giovani viene trattato con cura dai vari esponenti del convegno, tra cui Isa Miranda Zucca Parroni, la coordinatrice del Tribunale per i Diritti del Malato si è posta la domanda “se la società si renda veramente conto della situazione in cui versano questi giovani dopo che ragazzi di 11 anni sono finiti in coma etilico dopo un uso di alcolici”.
La stessa domanda, sarà posta anche al centro del Sinodo autunnale al quale parteciperà anche il Cardinale Gualtiero Bassetti che ha condiviso la lettera di una ragazza che ha molto stupito anche lo stesso Papa Francesco, la quale mostrava due aspetti negativi della società che portavano dunque al malessere dei nostri giovani. “Il primo aspetto – scrive la ragazza – è l’assenza degli adulti nella vita dei giovani e il secondo sono i pericoli nei quali un giovane può imbattersi ovvero l’alcool e la droga”.

I veri problemi di questi ragazzi, oltre la voglia di trasgressione e di sentirsi grandi, sono l’assenza di figure guida, l’esser lasciati soli al loro destino, come sottolinea anche la lettera rivolta al Santo Padre.
“Questa solitudine dei giovani può causare la loro insicurezza – secondo l’ Assessore regionale alla Salute Luca Barberini – che può portare, nei giovani tra i 15 e i 30 anni anche ad un abuso di alcolici”.
“Ci deve essere un modo per aiutare i nostri giovani – sono le parole del Procuratore Generale della Repubblica Fausto Cartella – e bisogna provare a fare questo cercando di promuovere la legalità nelle scuole, anche grazie all’aiuto delle forze dell’ordine e del Comune di Perugia”.

Corcianonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.




Può interessarti anche

Dal mondo

 

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img