spot_img
lunedì 27 Maggio 2024
spot_img

1 maggio ricordando Adele Bei nella Mostra itinerante “1946: Il voto delle donne”

Da leggere

Una vita che sembra un romanzo. Adele Bei, pesarese, terza di 11 figli, non fu soltanto un’antifascista militante, poi madre costituente, deputata del PCI e sindacalista della CGIL. Fu soprattutto una donna con una coscienza politica messa a servizio della causa femminile. Nel 1933 venne arrestata e, considerata “socialmente pericolosissima” fu condannata a 18 anni di carcere, 8 dei quali trascorsi tra Roma e Perugia, quindi venne inviata nell’isola di Ventotene dove rimase due anni. Riacquistata la libertà, quale dirigente dell’Unione Donne Italiane approdò all’Assemblea Costituente il 2 giugno 1946 e nel 1948 divenne senatrice di diritto per meriti antifascisti.

A ripercorrerne la storia e, soprattutto, il contributo di idee ed opere, le organizzatrici della Mostra itinerante “1946: il voto delle donne”, visitabile fino al 7 maggio nel Complesso monumentale di Sant’Antonio Abate a Corciano. Nell’ambito dell’iniziativa, inaugurata lo scorso 23 aprile, nel pomeriggio del 1 maggio è stato organizzato un seminario incentrato sulla figura di Adele Bei, ritenuta trait-d’union importante tra la tematica di fondo della Mostra e l’Umbria. In veste di relatrici, Barbara Mischianti, segretaria regionale CGIL Umbria, Barbara Pilati dell’Arcisolidarietà Ora d’Aria e Giovanna Scassellati Sforzolini dell’Unione Donne in Italia; moderatrici, due esponenti del comitato tecnico del progetto, Maria Paola Fiorensoli e Fiorenza Taricone.

Intanto “1946: il voto delle donne” sta suscitando molta curiosità ed attenzione, vista la qualità del materiale proposto. Si sostanzia in un’esposizione testuale e fotografica, impreziosita da video, sulla conquista del suffragio femminile in Italia. Curata dall’Associazione il Paese delle donne insieme al Laboratorio antidiscriminazione (LAD) Università di Cassino e Lazio Meridionale, alla Consigliera parità della provincia di Frosinone, alla Federazione Italiana Laureate e Diplomate Istituti Superiori (F.I.L.D.I.S.), ha ottenuto la ‘Medaglia del Presidente’ assegnata dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella in occasione dell’esordio, il 30 maggio 2016.

Quella corcianese è l’ottava tappa di un percorso che ha toccato la Casa internazionale delle donne (Roma) al Castello Manservisi (Castelluccio di Porretta Terme) e poi a Nuoro, Potenza, Frosinone, Matera. “Nell’anno che ha celebrato il 70° della Repubblica e la conquista del voto delle donne – il commento dell’organizzazione – abbiamo voluto dare voce e volto alle donne maggiorenni nel 1946, le prime a esercitare il diritto di voto nella storia d’Italia. Le protagoniste ci hanno regalato, tramite interviste, un questionario e i loro album di fotografie, ricordi commoventi. Hanno riscritto spontaneamente e senza autocelebrazioni, la narrazione storica tradizionale, includendovi il soggetto femminile in ambito familiare, locale e nazionale, troppo spesso dimenticato o volutamente cancellato. Alcune delle nostre testimoni – aggiungono – sono nate durante la Grande Guerra e tutte hanno vissuto il Fascismo, la Seconda Guerra mondiale, la Liberazione. Con il loro voto referendario, raccolto sia che fosse stato a favore o contro la Repubblica o, per varie ragioni non espresso, hanno contribuito alla nascita della nostra Repubblica. Dobbiamo loro ammirazione e riconoscenza”.

In ognuna delle tappe sono state coinvolte le protagoniste di quella pagina di storia. Per quanto riguarda l’appuntamento umbro, a dare la loro testimonianza, nel giorno dell’inaugurazione, sono arrivate Luisa Zoppitelli (105 anni), ‘mascotte’ del Club della Vespa di Città di Castello e le ‘nonnine’ corcianesi Lina Casciola Novembre, che ha già compiuto 100 anni e Rita Torricelli Speziali non ancora approdata al traguardo del secolo.

Corcianonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.




Può interessarti anche

Dal mondo

 

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img