spot_img
lunedì 27 Maggio 2024
spot_img

Sopralluogo a Borgogiglione, l’Osservatorio: “Basta con lo stallo nella gestione rifiuti”

Da leggere

Una nutrita rappresentanza dell’Osservatorio Borgogiglione e dei residenti della zona nei giorni ha avuto l’opportunità di fare un sopralluogo in discarica, accompagnati dal nuovo Direttore Ennio Spazzoli.
“La visita – spiega l’Osservatorio – ci ha confermato che l’Umbria dei rifiuti sta attraversando una crisi profonda e che i nostri decisori politici non sanno come uscirne (forse aspettano una soluzione miracolosa dall’esterno, con decisioni autoritarie imposte dal Governo o dal Ministro dell’Ambiente)”.

La discarica di Borgogiglione, gestita da TSA spa, da marzo non accoglie più rifiuti. “I camion della rinnovata Gesenu – afferma l’Osservatorio – li trasportano in altri siti anche fuori regione, con un aggravio di spesa di svariati milioni di euro (ancora nessun amministratore regionale o comunale ha chiarito chi pagherà il conto alla fine della giostra!).
Abbiamo visto le celle per gli scarti umidi selezionati a Ponte Rio (Perugia): sono tutte piene ma non se ne può aumentare il numero finché non vengono rispettati i parametri di legge e non si superano i test dell’ARPA. Grandi ventilatori sono stati messi a supporto della biostabilizzazione, finora col solo risultato di far infuriare i residenti a causa del rumore incessante ed insopportabile che si spande a km. di distanza. E già l’ARPA e la Regione avevano negato il consenso all’entrata dello scarto dei rifiuti organici non compostati a Pietramelina e tengono bloccata l’Autorizzazione ambientale per quell’impianto, gestito dalla Gesenu”.

La delegazione dell’Osservatorio racconta anche di aver visto la restante parte della discarica, che ospita i rifiuti indifferenziati, al momento bloccata dall’inchiesta della Procura perugina. Anche l’impianto di trattamento del percolato è fermo da un anno in attesa di lavori di risistemazione.
“Per uscire dal marasma, aggravato dalla mancanza di chiarezza sul futuro della discarica di Orvieto e degli inceneritori di Terni, – aferrma l’Osservatorio Borgogiglione – non c’è che una strada, praticata con successo da sempre più Regioni e Comuni italiani: prevenire e ridurre i rifiuti, incentivando centri di ricerca tecnologica e imprese innovative come stabilito dalle normative nazionali ed europee, e riciclare quanto più possibile con una seria raccolta differenziata “porta a porta”, che farebbe tra l’altro aumentare gli introiti del servizio e salvare o addirittura aumentare anche i posti di lavoro”.

Corcianonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.




Può interessarti anche

Dal mondo

 

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img