spot_img
giovedì 29 Febbraio 2024
spot_img

Corciano insieme a Perugia e Torgiano per la gestione dei servizi socio assistenziali

Da leggere

amicizia anziani“E’ una Convenzione che definisce un modello di gestione di tipo intercomunale, basato su un presupposto associativo, e dalla quale escono rafforzati i rapporti tra i Comuni di Corciano, Perugia, Torgiano. Lo scopo è razionalizzare le risorse ed offrire interventi e servizi sociali a valenza territoriale, che per la loro natura tecnica o per le loro caratteristiche non possono essere svolte dai singoli Comuni con la necessaria efficienza ed efficacia”.
Così il Vicesindaco Sabrina Caselli commenta l’approvazione da parte del Consiglio Comunale della Convezione per la Gestione Associata dei Servizi Socio – assistenziali della Zona Sociale n. 2 predisposta sulla base degli indirizzi scaturiti dalla relativa Conferenza dei Sindaci del 23 febbraio 2016. Nell’abito della stessa, sono stati individuati gli interventi ed i servizi sociali da garantire, alla luce della normativa nazionale e del nuovo Piano Sociale Regionale (preadottato dalla Giunta Regionale il 27 ottobre 2015). Quest’ultimo riconosce la Convenzione come “lo strumento attraverso il quale i Comuni conferiscono la delega per l’esercizio delle funzioni in materia di politiche sociali al Comune capofila della Zona Sociale”, identificato, in questo caso, con Perugia.

“Il documento – aggiunge Caselli – consente di sviluppare i programmi relativi alle aree d’intervento sociale, infanzia e minori, disabilità, anziani, soggetti a rischio di esclusione sociale, nonché di programmare e governare la rete dei servizi socio-sanitari e sociali nei quali ricomprendere le prestazioni offerte”. Dalla durata triennale 2016 – 2018, la Convenzione è rinnovabile, massimo per ulteriori 3 anni,  previa la revisione sulla base dello schema tipo di convenzione per le Zone Sociali approvato dalla Regione Umbria. Gli interventi ed i servizi sociali saranno finanziati con risorse provenienti da fondo sociale europeo, fondo nazionale per le politiche sociali, fondo sociale regionale, fondo nazionale e regionale per la non autosufficienza, mentre i tre Comuni firmatari individueranno per il triennio di vigenza, le somme da destinare ai servizi/interventi per la quota loro spettante. Per quanto riguarda Corciano, il trasferimento delle somme avverrà per il 50% del totale entro il 3 aprile di ogni anno; per il  30% entro il 3 novembre; per il restante 20% entro il 31 dicembre, salvo conguaglio al gennaio successivo”.

“Lo strumento della Convenzione, in realtà, è sperimentato, venendo adottato fin dal 2004, in linea con quanto richiesto dalla normativa regionale e nazionale. Per i contenuti, riconfermati i servizi e gli interventi ‘storici’ – declinati in vari livelli di welfare strutturati per target d’età e/o aree tematiche (servizi sociali territoriali, sostegno alla genitorialità, protezione sociale e tutela dei minori, anziani, disabilità, contrasto alla povertà ed esclusione sociale, immigrazione – e proposte misure innovative, per garantire una maggiore efficacia degli interventi  ed una maggiore razionalizzazione delle risorse economiche, come ad es. l’intervento di educativa territoriale. “Ulteriore forte novità – evidenzia ancora il Vicesindaco – è l’impegno assunto dalle tre amministrazioni di concordare indirizzi comuni, in base ad accordi ad hoc, per quelle materie sociali e socio-educative che rivestono rilevanza strategica per la programmazione unitaria della Zona Sociale ma non rientrano nelle attività oggetto di questa Convenzione al fine di garantire modalità di accesso e di erogazione dei servizi il più omogeneo possibile”.

Corcianonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.




Può interessarti anche

Dal mondo

 

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img