spot_img
domenica 14 Aprile 2024
spot_img

Referendum Trivelle, quasi tutti a favore del voto: il PD si spacca sull’astensionismo di Renzi

Da leggere

trivelleLa politica locale si infiamma sulle trivelle. In Umbria non c’è il mare, è vero, ma il referendum sta portando una ondata di polemiche. A differenza dei primi momenti in questi ultimi giorni la discussione si è incentrata non tanto (e comunque non solo) su dove mettere la crocetta (sì o no) quanto piuttosto se andare al voto o meno. La sorpresa è che l’orgoglio di essere cittadini votanti sta contagiando un po’ tutti, sempre più convinti a far valere questo diritto, che poi è anche un dovere.

Ironia della sorte: a predicare il non-voto è proprio una delle massime figure istituzionali del Paese ossia il Presidente del Consiglio Matteo Renzi (del PD); un presidente che non è stato votato.
Ed è proprio nel Partito Democratico che ancora una volta emerge con forza la dicotomia che lo contraddistingue: sull’astensione c’è chi dice sì e c’è chi dice no, nonostante Renzi.
È il caso del PD Corcianese che non si sbilancia prendendo atto della situazione.
“Nel nostro partito le posizioni sono diverse – spiega il segretario Massimo Berioli – come lo è a livello nazionale. Abbiamo parlato e ci siamo confrontati ed è emerso che qualcuno è per il sì e qualcuno è per il no o l’astensione. Molti stanno esprimendo la propria posizione su Facebook”.
Proseguendo a livello locale non mancano neanche qui le polemiche.

“Molte personalità dello stesso PD – scrive il Movimento 5 Stelle di Corciano – hanno manifestato l’intenzione a non accettare l’invito sconcertante all’astensione da parte di chi dovrebbe essere, come rappresentante delle istituzioni, il paladino più fervente dell’esercizio del diritto di voto. Noi – annunciano le consigliere Checcobelli e Bianchi – andremo a votare e voteremo SI, ma soprattutto, come rappresentanti della comunità, invitiamo i corcianesi ad esprimersi su questa importante decisione da prendere in politica ambientale e sarebbe auspicabile che anche il Sindaco Betti, gli assessori e gli altri consiglieri comunali inviassero un segnale forte ai cittadini affinché, a prescindere dall’opinione di voto, esercitino gli strumenti democratici a loro disposizione al posto del distaccato disinteresse di chi non va a votare”.

“Sono disgustato dall’ennesima presa in giro degli italiani”. Esordisce così il consigliere di Forza Italia Luca Merli che prosegue senza sconti: “Non mi va proprio giù che Renzi abbia invitato a non andare a votare. La cosa che mi fa schifo è che lo Stato spende milioni per mettere in piedi un referendum bufala e chi governa – aggiunge Merli – dice di non andare a votare. E comunque in ogni caso è palesemente un referendum politico. Per quanto riguarda l’indicazione di voto – conclude – per quanto mi riguarda basta andare a votare”.

“Trovo eticamente scorretto – scrive Mario Taborchi consigliere di Sinistra Ecologia Libertà – che un appello per l’astensione provenga dal Presidente del Consiglio. Votare è un diritto che tutti dobbiamo esercitare e difendere. L’altro aspetto che vorrei sottolineare è l’informazione sul referendum che spesso è stata insufficiente o fuorviante. Il quesito non riguarda solo gli abitanti delle regioni interessate – aggiunge Taborchi – ma il sistema di sviluppo e l’uso delle risorse ambientali. Peraltro l’attività estrattiva, pur limitata, ha un impatto sull’ambiente e sull’ecosistema marino: vale veramente la pena procrastinare oltre la scadenza le concessioni su un’attività estrattiva che non porta benefici né economici né occupazionali?”.

Domenica 17 aprile, si apriranno le urne – dalle ore 7 alle 23 – per lo svolgimento del referendum abrogativo sulla durata delle trivellazioni in mare, che nello specifico prevede la cancellazione – mediante un unico quesito – dell’articolo 6, comma 17, terzo periodo, del decreto legislativo 3 aprile 2006 numero 152 (Norme in materia ambientale).
Lo scrutinio dei voti inizierà al temine delle operazioni di voto, quindi già a partire dalle ore 23. I dati sull’affluenza verranno resi noti dal Viminale alle ore 12, 19 e 23.
In ogni caso affinché la proposta soggetta a referendum sia approvata occorre che vada a votare almeno il 50% più uno degli aventi diritto al voto e che la maggioranza dei votanti si esprima con un ‘Sì’.

Il quesito riportato sulla scheda chiede: ‘Volete voi che sia abrogato l’art. 6, comma 17, terzo periodo, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n.152, “Norme in materia ambientale”, come sostituito dal comma 239 dell’art. 1 della legge 28 dicembre 2015, n. 208 “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilità 2016)”, limitatamente alle seguenti parole: “per la durata di vita utile del giacimento, nel rispetto degli standard di sicurezza e di salvaguardia ambientale”?’. Nel caso ve ne fosse bisogno, è possibile rinnovare la tessera elettorale presso gli uffici elettorali dei Comuni di residenza.

Corcianonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.




Può interessarti anche

Dal mondo

 

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img