spot_img
mercoledì 17 Luglio 2024
spot_img

Ambiente, il drone Galileo arriva a salvaguardia dei laghi dell’Umbria

Da leggere

galileoLa robotica darà un notevole contributo alla gestione e alla salvaguardia dei bacini lacustri presenti in Umbria.
Nel corso della Conferenza Mondiale sui Laghi che si è aperta lunedì a Perugia è stato presentato Galileo, il robot acquatico di Arpa Umbria.
Galileo è un natante a pilotaggio remoto con funzionalità avanzate di navigazione autonoma, equipaggiato con le migliori strumentazioni per il campionamento dell’acqua dei laghi.

COSA PUÒ FARE GALILEO – Il robot acquatico consentirà di ottenere le informazioni ambientali in modo automatico senza l’impiego di personale specializzato, così il battello sarà in grado di fornire dati sempre aggiornati.
“La nostra Agenzia – ha affermato Svedo Piccioni, Direttore Generale di Arpa Umbria – oltre al monitoraggio e alla salvaguardia dell’ambiente si pone anche l’obiettivo della promozione della ricerca e della sperimentazione per acquisire maggiori conoscenze in campo ambientale”.
“Grazie a Galileo, Arpa Umbria potrà ottenere le informazioni ambientali in modo automatico. Ad esempio – sottolinea il Direttore tecnico di Arpa Umbria Giancarlo Marchetti – sarà in grado di controllare gli scarichi attraverso il controllo della temperatura; le dinamiche fluviali con i rilievi batimetrici. Ma non solo, con le telecamere subacquee sarà possibile studiare le acque e i sedimenti del fondale”.

UN PROGETTO TARGATO UMBRIA – Il natante è stato progettato e realizzato interamente in Umbria grazie alla Siralab Robotics di Terni, azienda da anni attiva nel settore degli Unmanned Surface Vessel, meglio conosciuti come droni.
“Galileo è silenzioso, pulito, sicuro e versatile e può operare a vari livelli sulle diverse matrici ambientali”, ha spiegato il Presidente della Sirlab Robotics Giorgio Belloni che ha illustrato le caratteristiche più importanti del drone.
L’azienda ternana si è avvalsa della collaborazione tecnica del dipartimento di Ingegneria elettronica e dell’informazione (Diei) dell’Università di Perugia mentre Arpa Umbria ha finanziato il progetto con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia.
Nello studio degli aspetti floristico-vegetazionali delle sponde e della vegetazione acquatica sarà coinvolto il dipartimento di Biologia applicata (Dba) dello stesso ateneo perugino.

COME CONOSCERE GALIALEO – La presentazione del robot si è svolta martedì nell’aula 3 del dipartimento di Giurisprudenza. Ad illustrare le potenzialità del robot acquatico il direttore generale di Arpa Umbria Svedo Piccioni, il presidente di Siralab Robotics di Terni, Giorgio Belloni, e il direttore tecnico di Arpa Umbria, Giancarlo Marchetti.
Nei giorni della Conferenza Mondiale sui Laghi (fino al 5 settembre) Galileo viene esposto presso il dipartimento di Giurisprudenza (via Alessandro Pascoli 33, Perugia) e i tecnici di Arpa e Siralab saranno presenti per fornire ulteriori spiegazioni sul funzionamento del natante.

Corcianonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.





Può interessarti anche

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img