spot_img
giovedì 29 Febbraio 2024
spot_img

Cucinelli: in Russia chiusi tre negozi, intanto i conti tornano positivi

Da leggere

Il business di Brunello Cucinelli in Russia vale circa il 4% del totale, di cui il 70% nel wholesale, ossia le vendite all’ingrosso, e il 30% nel retail, vale a dire le vendite al dettaglio. È quanto emerge dal bilancio consolidato del gruppo di moda con sede a Solomeo di Corciano.
In sintesi, praticamente archiviato il primo trimestre, è stato spiegato che l’esposizione in Russia potrebbe al massimo incidere sul fatturato restante totale annuale per circa il 2,4% di cui l’1,6% nel wholesale con ordini invernali in casa e per lo 0,8% nel retail nei prossimi 9 mesi.

In Russia Cucinelli ha tre negozi diretti chiusi, di cui due rinnovati alla fine del 2021 (uno a Mosca e uno a San Pietroburgo) e in maggio era in programma l’apertura di un secondo negozio a Mosca. In base a quanto emerso la decisione presa è di garantire il salario a tutti i collaboratori russi, come nel 2020 durante il lock-down nel primo periodo di pandemia.

Intanto i conti del gruppo Brunello Cucinelli tornano positivi nel 2021, con un utile netto di 56,3 milioni di euro, rispetto a una perdita di 32,1 milioni al 31 dicembre 2020 e superando il livello del 2019, quando era stato di 53,1 milioni.

Corcianonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.




Può interessarti anche

Dal mondo

 

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img