spot_img
lunedì 27 Maggio 2024
spot_img

Ubriaco fradicio tenta di investire la compagna con il furgone: la polizia evita il peggio e arresta l’uomo

Da leggere

Erano le 22 di lunedì quando lungo la Strada Provinciale di Corciano un automobilista si è imbattuto in una donna che fuggiva a piedi inseguita da un furgone condotto da un uomo. Ha così deciso di chiamare la Polizia.
Sono intervenute le volanti e gli agenti effettivamente hanno rintracciato un furgone che seguiva una donna che stava correndo. Una volta raggiunta l’uomo è sceso dal veicolo e ha cominciato a discutere animatamente con lei.
I poliziotti sono intervenuti per dividere la coppia e hanno messo in sicurezza la donna; l’uomo è apparso visibilmente ubriaco.
La donna ha riferito si trattava del proprio compagno che, come era accaduto altre volte, era andato in escandescenza.

Secondo il racconto della donna vedendo l’uomo agitato si era rifugiata nella propria macchina chiamando una amica per chiederle aiuto.
Per reazione il compagno ha preso un cacciavite e lo ha conficcato nel cofano dell’auto e poi ha spaccato uno specchietto retrovisore continuando ad urlare e minacciarla.
La donna è rimasta nell’abitacolo per paura finché non ha approfittato di un momento di distrazione per scappare a piedi.
Lui, accortosi della fuga, si è messo alla guida del furgone raggiungendola più volte fino a desistere nel momento dell’arrivo della polizia.

Il test etilometrico ha dato esito positivo con un risultato di 3,26 gr/L, prossimo al coma etilico, superando di molto il limite consentito di 0.50.
Dagli accertamenti è emersa anche la patente scaduta e gli sono state contestate le violazioni al codice della strada della guida con patente scaduta (art. 126/11°) e la guida in Stato di alterazione da sostanze alcoliche, (art 186/2 lettera C). Il furgone invece è stato sequestrato per la successiva confisca.
In Questura è emerso che in precedenti circostanze le forze di polizia erano intervenute già due volte perché l’uomo aveva percosso la compagna.
Fra gli episodi di violenza anche una manata sul viso con cui le ha rotto gli occhiali. La aveva sempre deciso di non sporgere denuncia per paura.

Ulteriori accertamenti hanno fatto emergere che l’uomo in passato ha avuto comportamenti violenti nei confronti di un altro familiare per i quali risulta tutt’ora indagato. Alla luce della gravità e dal susseguirsi dei fatti la polizia ha proceduto all’arresto in flagranza di reato per maltrattaementi in famiglia. L’uomo è stato condotto al Carcere di Capanne. È anche denunciato per danneggiamento, minacce gravi ed aggravate e guida in stato di ebbrezza alcolica.

Corcianonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.




Può interessarti anche

Dal mondo

 

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img