spot_img
lunedì 27 Maggio 2024
spot_img

Migranti ospitati a Corciano, parla l’assessore: “Dobbiamo essere solidali”

Da leggere

Immigrati salvataggioLa notizia riportata dal nostro giornale in data 9 giugno sui circa sessanta immigrati ospitati in appartamenti e alberghi del Corcianese ha creato un po’ di apprensione e qualche mugugno tra la popolazione. Per questa ragione Giuseppe Felici, assessore all’intercultura del Comune di Corciano, ha deciso di intervenire nel merito della questione per spiegare ai cittadini l’operato dell’Amministrazione: “Se c’è chi manifesta diffidenza, c’è anche chi esprime solidarietà, nella consapevolezza che i profughi che incontriamo sul nostro territorio sono persone sopravvissute a viaggi della speranza nel corso dei quali migliaia di loro hanno perso e perdono la vita”.
L’assessore interviene sul rapporto immigrati/territorio e sottolinea che “la catastrofe umanitaria che si sta consumando nel Mediterraneo non si arresta e il Comune, come tanti altri, ospita attualmente una sessantina di profughi alloggiati in alcuni appartamenti e per le emergenze in albergo”. “Gli ospiti – sottolinea – sono seguiti dalle associazioni autorizzate, come l’ARCI e la Caritas, nel quadro del Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati, finanziato con fondi europei e sotto la responsabilità e la vigilanza della Prefettura e del Ministero dell’Interno, oltre che delle forze dell’ordine territoriali”.
L’assessore, anche nella logica della solidarietà, ribadisce “sappiamo che il salvataggio in mare non è la soluzione di questa emergenza umanitaria, ma non ci sentiamo autorizzati a non aiutare, nel nostro piccolo, persone coraggiose, che affrontano il rischio della morte nel Mediterraneo o ai confini e l’ostilità nei paesi d’arrivo nella speranza di una vita dignitosa. Gran parte di loro si allontanano dal proprio paese per fuggire da guerre, dittature, crisi economiche e disastri ambientali cui non sono estranee le politiche estere occidentali fondate sullo sfruttamento delle risorse, sulle armi e sull’appoggio a regimi dittatoriali. All’arrivo – prosegue Felici – rischiano di essere rispedite nei luoghi di partenza, confinate in paesi terzi dove la loro vita è in pericolo, rinchiuse in Italia e in altri paesi europei per lunghi periodi fino a quando le loro domande di protezione non saranno esaminate”.
In questa prospettiva, tuttavia, l’assessore si dice “consapevole che richiedenti asilo e profughi si misurano con le contraddizioni più acuminate di questo periodo politico e che sono pretesto e non causa dei tagli alla spesa pubblica europea” ma ribadisce “nel proseguire questa esperienza di solidarietà ci aspettiamo che i governi europei assicurino politiche estere fondate sulla pace, sulla democrazia, sulla cooperazione internazionale, su corridoi umanitari legali a chi ha bisogno di rifugio e nello stesso tempo politiche economiche rispettose delle promesse delle nostre costituzioni sociali”.

Corcianonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.




Può interessarti anche

Dal mondo

 

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img