spot_img
domenica 14 Aprile 2024
spot_img

Riapertura dei locali e risarcimento per il danno, continua la protesta Silb Umbria Confcommercio

Da leggere

A una settimana dalla mobilitazione di protesta che ha interessato i locali di tutta Italia, non si ferma la “battaglia” dei rappresentanti del settore delle discoteche e dei locali da ballo che continuano a chiedere al governo un provvedimento di riapertura dei locali e risarcimenti per il danno subito a copertura dei 18 mesi di chiusura forzata delle aziende.

“Con la vittoria della nazionale italiana all’Europeo abbiamo nuovamente assistito ad assembramenti in tutte le piazze d’Italia. E continuano pure le prese di posizioni delle istituzioni per una gestione sicura della movida notturna in strada, in qualche caso selvaggia e ingestibile.
In questa situazione, tutti gli altri settori hanno ripreso a lavorare da tempo; solo il settore dell’intrattenimento è ancora chiuso e senza una data certa per ripartire. Unica novità apprezzabile è l’uscita del bando regionale Restart 93.
Le enormi preoccupazioni per le sorti dei nostri locali”, sottolinea il presidente di Silb Umbria Confcommercio Enzo Muscinelli, “sono state ascoltate dalla Regione e dall’assessore allo Sviluppo economico Michele Fioroni. Il bando appena uscito è per noi una boccata d’ossigeno”.

Il bando Restart 93 prevede – per discoteche, locali da ballo, night club – la possibilità di ottenere un finanziamento a tasso agevolato di 10 mila euro con 12 mesi di preammortamento e 24 mesi di ammortamento. Al termine del preammortamento si avrà la possibilità di rimettere il 50% della quota capitale, fino a un massimo di 5.000 euro dimostrando di aver sostenuto costi nel corso del 2021.

“In questi mesi di pandemia, pur essendo costretti per legge a rimanere chiusi, non abbiamo visto un sostegno adeguato da parte del governo e questo è molto grave”, aggiunge il presidente di Silb Umbria Confcommercio Muscinelli.
“A livello nazionale, assieme ad altre associazioni del settore dell’intrattenimento, SILB Confcommercio ha messo a punto un documento con una serie di richieste per il presidente del Consiglio Mario Draghi”.
Cinque le priorità per il settore, oltre alla data certa di riapertura delle attività:
l’adozione immediata di un provvedimento di riapertura dei locali, sulla base delle indicazioni fornite il 25 giugno scorso dal Comitato Tecnico Scientifico;
il risarcimento per il danno subito a copertura dei 18 mesi di chiusura forzata delle aziende;
il contrasto serio e puntuale da parte delle forze dell’ordine e degli organi di controllo a ogni forma di abusivismo e al proliferare di feste e spettacoli organizzati in completa assenza di autorizzazioni amministrative;
la riduzione al 4% dell’iva applicata ai locali da ballo;
l’abolizione dell’imposta sugli intrattenimenti (Isi) già giudicata contraria alle direttive europee da più tribunali amministrativi.

Corcianonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.




Può interessarti anche

Dal mondo

 

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img