spot_img
sabato 20 Luglio 2024
spot_img

L’impresa ‘solidale’ di Giuseppe Paolino ha raggiunto la Norvegia

Partito in bici il 15 luglio il progetto di oltre 6000 km "Gocce per la vita Mantignana-Capo Nord” per raccogliere fondi a favore dell'Ospedale di Perugia

Da leggere

“Se ogni goccia può donare un solo sorriso e far sognare… Allora uniamo le gocce e cerchiamo di volare”. Con queste parole stampate nel cuore Giuseppe Paolino, atleta corcianese delle imprese impossibili, è partito il 15 luglio da Mantignana alla volta DI Capo Nord. In sella a una bici, con un borsone e un amico al fianco, per un lunghissimo viaggio che è un ideale abbraccio a tutti coloro che vogliono contribuire a una raccolta fondi per il reparto di Oncoematologia pediatrica dell’ospedale Santa Maria delle Misericordia di Perugia.

Perché anche da un dolore profondo può crescere un sogno bellissimo. La sfida di Giuseppe è nata con la morte del padre, a causa del cancro, e ora questo percorso di un mese e mezzo di difficoltà, di posti bellissimi, di solidarietà e speranze vuole aprire un orizzonte. Un’impresa fisicamente massacrante, possibile solo per un cuore gigante e forte. C’è tutto questo in “Gocce per la vita Mantignana-Capo Nord”. C’è la grinta nel voler arrivare al traguardo entro la fine di agosto con un progetto che sta attirando l’attenzione di moltissimi, tra istituzioni e amici della comunità corcianese e perugina.

Giuseppe – paolino.gnappo è la sua pagina Instagram – sta documentando l’intero percorso del viaggio attraverso i social media. E così è possibile unirsi e sostenere la raccolta fondi, collegandosi ai suoi profili e trasformarsi in una delle tante gocce per la vita. Da Mantignana ha già toccato le principali tappe del Centro Europa: da Innsbruck a Monaco di Baviera, Amburgo e fin su alla Scandinavia. Ma verso Capo Nord la strada è ancora tantissima per una esperienza davvero al limite delle capacità umane.
Giuseppe, atteso a Corciano il primo settembre durante la festa paesana per la cerimonia di consegna dei fondi raccolti, è uno sportivo appassionato che ha ottenuto soddisfazioni in diverse discipline. Sulle due ruote ha collezionato sfide da libro dei ricordi. Ha corso la Titan: 780 km nel deserto del Marocco piazzandosi al 12 posto, è stato Campione regionale di ciclocross e Campione regionale Marathon Mtb.

Ma questa estate 2023 è tutta un’altra storia. “È un po’ come affrontare l’imprevedibilità di una malattia che cambia la vita. Non sai cosa aspettarti né dove ti porterà”, ha detto prima della partenza tra il calore dei suoi amici. Per poi aggiungere un’immagine che è l’essenza e il motore di questa sfida. “La gioia di vedere i bambini sorridere e leggere la speranza nei loro occhi. Voglio credere che, con il sostegno degli angeli che ci circondano, possiamo rendere possibile l’impossibile”.

Corcianonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.





Può interessarti anche

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img