spot_img
domenica 21 Luglio 2024
spot_img

Girasole, progetto e rendering in esclusiva. Mangano: “Cambiamo faccia al quartiere”

Da leggere

La Regione Umbria ha approvato il progetto definitivo presentato dal Comune di Corciano nell’ambito del PSR Misura 7.6.2, relativa agli investimenti per la riqualificazione dei paesaggi rurali critici. Il progetto corcianese ha ottenuto un punteggio molto elevato, grazie al quale è stato riconosciuto un contributo di oltre 454 mila euro, su una spesa complessiva di 568 mila euro circa.
“Con questo progetto cambiamo faccia al quartiere Girasole” ha dichiarato l’Assessore Francesco Mangano, “grazie ad interventi di connessione ecologica e qualificazione urbana che interessano una vasta area dalle pendici del Castello di San Mariano al limite imposto dalla ferrovia.”

Il progetto è stato elaborato dall’Ufficio Tecnico comunale e dalla società Relevo srl, con la collaborazione dell’Università di Perugia, Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale (prof. Fabio Bianconi e prof. Marco Filippucci), che ha concluso alcuni studi di fattibilità per la qualificazione ambientale del Girasole, una delle aree urbane più abitate dell’intero hinterland perugino.
“Nel mese di ottobre abbiamo siglato un protocollo di intesa con l’Università di Perugia“ ha aggiunto Mangano “ed abbiamo sviluppato un’idea originale ed innovativa di connessione ecologica, facendo emergere le potenzialità del Parco Urbano ed Agrario del Girasole, con l’obiettivo di eliminare nel paesaggio le zone critiche, aumentare i servizi eco sistemici, attivare percorsi e processi, ridurre l’impatto della logica insediativa, creare qualità urbana, con consequenziale innalzamento del valore del patrimonio immobiliare dei cittadini, attraverso la valorizzazione delle infrastrutture verdi.”

Si tratta di un progetto molto ambizioso, che mira a cambiare la qualità della vita dei cittadini con azioni ed interventi di grande interesse. L’Assessore Mangano ne indica alcuni: “è prevista la piantumazione di quasi 3.000 alberi e piante lungo tutta l’area interessata, restituiremo decoro urbano ai margini attualmente abbandonati e soprattutto interverremo nella zona compresa tra il Centro Commerciale e via Settembrini, creando un’area verde innovativa dove oggi esiste una lastricata di cemento.”

Appena sarà terminata l’emergenza coronavirus, il progetto sarà presentato ai cittadini; nel termine di 4 mesi previsto dal bando per la progettazione esecutiva, l’Amministrazione Comunale intende incontrare le associazioni ed i centri di interesse collettivo della zona, per condividere ipotesi di gestione partecipata di tutti gli interventi che saranno realizzati. “La condivisione e la gestione partecipata sono una parte interessante del progetto” dice ancora Mangano, “speriamo che a giugno si possa dare il via agli incontri.”

Corcianonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.





Può interessarti anche

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img