spot_img
lunedì 2 Ottobre 2023
spot_img

Bimbi e tecnologia: è la qualità del tempo passato davanti allo schermo a fare la differenza

Da leggere

Viviamo un’era in cui le informazioni e gli stimoli si sono convertiti quasi totalmente al digitale. Per questo motivo non dovremmo allarmarci del sempre più stretto rapporto che i nostri figli instaurano con pc, smartphone e tablet. A darne la conferma è una ricerca dell’Oxford Internet Institute e della Cardiff University, pubblicata sulla rivista scientifica Child Development, che rivela che i bambini tra 2 e 5 anni che passano davanti a uno schermo più di due ore al giorno – limite massimo raccomandato dalle linee guida dell’American Academy of Paediatrics (Aap)  – non presentano quei tanto temuti disturbi psicologici se il tempo passato dai bimbi con un dispositivo multimediale è di qualità.

Per gli esperti non ci sarebbero prove concrete per sostenere che una rigida limitazione dell’uso delle tecnologie digitali sia senza ombra di dubbio un vantaggio per i bambini in questa fascia d’età. Secondo Andrew Pryzbylski e i suoi colleghi, i risultati suggeriscono di prendere in considerazione l’intero contesto familiare: il modo in cui i genitori stabiliscono le regole sul tempo da passare davanti allo schermo digitale e se l’utilizzo dello strumento costituisce un momento condiviso tra il bambino e l’adulto diventano fattori più importanti della sola quantità di tempo spesa.

Due, quindi, gli approcci suggeriti.

Il primo riguarda appunto la sfera familiare, in cui i genitori, più che dei minuti di troppo, dovrebbero preoccuparsi di rendere interattivo e stimolante il tempo dei bambini di fronte allo schermo, senza utilizzare (almeno non costantemente) i dispositivi come fonti di intrattenimento passivo. Ciò lo renderebbe un momento sociale, che andrebbe a influire in maniera positiva sul benessere psicologico del bambino, alimentandone la curiosità e i legami con i genitori.

Il secondo, invece, è un suggerimento alla comunità scientifica perché consideri la possibilità che i dati da cui prendono spunto le attuali linee guida siano già vecchi: infatti il nostro modo di utilizzare i dispositivi digitali (e quindi anche quello dei bambini) cambia velocemente ed è diverso in relazione all’età, all’etnia, al sesso e al contesto socio-economico-culturale. Ed è compito dei ricercatori aggiornare le ricerche e condurre studi rigorosi sulla misura in cui l’esposizione all’utilizzo di apparecchi multimediali possa influenzare – in bene o in male – lo sviluppo dei bambini.

(fonte wired.it)

Corcianonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.




Può interessarti anche

Dal mondo

 

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img