spot_img
mercoledì 24 Luglio 2024
spot_img

La consigliera Emanuela Boccio entra nel MDP: “Non c’è posto per me nel PD a guida Renzi”

Da leggere

Anche a Corciano nasce il Movimento Art. 1 Movimento Democratico e Progressista. Lo scorso 12 settembre, davanti all’Unione Comunale, Emanuela Boccio, consigliera di spicco del Partito Democratico, capogruppo per 3 anni e mezzo in Consiglio Comunale e titolare della delega alle Pari Opportunità, ha rassegnato le proprie dimissioni dal Partito Democratico, annunciando la propria adesione ad Art. 1 MDP.

“Ormai non c’è più posto per me e per quelli come me in questo PD a guida Renzi” ha dichiarato Boccio. “Non vedo un progetto che metta in campo politiche di contrasto al neo liberismo imperante che ha allargato le disuguaglianze tra ricchi e poveri; non vedo proposte concrete che perseguano la dignità del lavoro e la giusta retribuzione; non vedo adeguate misure per dare una vita dignitosa ai giovani, condannati a un lungo precariato con lavori a tempo determinato e compensi irrisori oppure costretti a emigrare all’estero per trovare miglior sbocco a una vita di brillanti studi; non vedo cosa si voglia fare per i 4,6 milioni di poveri che non possono neanche curarsi; non vedo come si possa riqualificare la nostra Istruzione con la “buona scuola”; non vedo alcun serio programma per il Sud…”.

E’ necessario creare una grande forza di Sinistra che rimetta al centro le persone e la giustizia sociale e che restituisca speranza a chi ormai non si fida più della politica e non va a votare. Questo è l’auspicio mio e di tutti quelli che come me aderiscono ad Art. 1 MDP e a Corciano inizieremo proprio con il gruppo unico in consiglio con Sinistra Italiana sperando di coinvolgere anche altri anche in vista delle prossime elezioni amministrative oltre che delle politiche.
“Sono troppi i silenzi o le mancate risposte date in questi anni e troppe le proposte ignorate – o, peggio, criticate e derise – di chi, ancora dall’interno del PD chiedeva una correzione di rotta” ha soggiunto Boccio. “Ho provato a rimanere fino all’ultimo, ho fatto la battaglia per Orlando, ma ormai la condizione della sinistra all’interno di questo PD mi sembra alquanto mortificante e funzionale solamente a Renzi per affermare che non esiste il ‘pensiero unico’; constato, invece, che le posizioni che vedo rappresentate dalla ex mozione Orlando non entrino mai a far parte della piattaforma programmatica del PD renziano”.

“Rimarrò in Consiglio comunale”, ha precisato la consigliera, “e rimarrò nella Maggioranza, rispettando l’impegno preso con i cittadini che mi hanno votato, insieme alla maggioranza di centrosinistra, per portare a termine il programma con cui ci siamo presentati. Il mio contributo sarà, come sempre da una prospettiva di sinistra, basta infatti leggere gli oltre 20 ordini del giorno o gli innumerevoli interventi in consiglio o le iniziative realizzate nell’ambito della delega alle Pari Opportunità per capire che io ero e rimango una donna con solidi, irrinunciabili, ideali di sinistra.
Anche a Corciano sarà presto eletto un coordinatore comunale di Art. 1 MDP, scelto tra i compagni e dai compagni che già oggi si riconoscono come me in Art. 1 MDP.
La consigliera Boccio ha voluto infine esprimere tutto il suo rispetto per le persone che hanno scelto di rimanere nel PD; “niente di personale è soltanto politica”, così ha concluso il suo comunicato Emanuela Boccio.

Corcianonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.





Può interessarti anche

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img