spot_img
giovedì 25 Luglio 2024
spot_img

Da San Mariano parte la campagna referendaria dei comitati per il Sì

Da leggere

image“Dopo trent’anni di fallimenti e di promesse non mantenute, il 4 dicembre 2016 i cittadini potranno finalmente tentare di cambiare il funzionamento del Paese, rendendolo snello, efficiente, meno costoso e adeguato alle sfide del futuro, votando sì al referendum di riforma della Costituzione”.
È questo il messaggio che è partito ieri sera da San Mariano di Corciano dove, presso il Circolo del Parco dei Tigli, è ufficialmente iniziata la campagna referendaria che porterà al voto di dicembre. Presenti molti cittadini, le istituzioni del Comune di Corciano e il Sottosegretario di Stato del Ministero dell’Interno Giampiero Bocci.

L’incontro promosso dai comitati Adesso per il sì e Cambiare si può di Corciano, è stato aperto dal Sindaco Cristian Betti il quale ha ricordato che: “Nei prossimi due mesi avremo modo di analizzare e far conoscere a fondo la nostra Costituzione, bellissima e unica per i principi fondamentali che sancisce, ma che ha bisogno di essere modificata per ritrovare vitalità, dinamismo, per incidere efficacemente sulla vita dei cittadini e delle imprese”. Riaffermando che la riforma riguarderà esclusivamente la seconda parte della costituzione, quella cioè che disciplina la struttura organizzativa e il funzionamento delle istituzioni statali, Betti ha sottolineato come: “Non possiamo sottovalutare l’impatto che la riforma avrà nella riduzione dei costi della politica, verranno così liberate risorse pubbliche che potranno essere reinvestite. Ridurremmo il numero dei parlamentari e le relative spese per il funzionamento delle due Camere, aboliremo il CNEL, avremmo chiare competenze tra lo stato e le regioni senza creare ulteriori lungaggini e controversie”.
image-1I vari punti della riforma sono stati poi illustrati anche da Lorenzo Pierotti, assessore a Corciano e per l’occasione moderatore del dibattito: “Siamo qui questa sera – ha detto – per fare chiarezza sul merito del quesito referendario e per affrontare la campagna con sicurezza e serenità, come ci ha invitato a fare Matteo Renzi, ribattendo punto su punto per sostenere le ragioni del sì”.

Presente all’incontro anche Massimo Berioli, segretario del Partito Democratico di Corciano: “Sono entusiasta di vedere una così ampia partecipazione da parte dei cittadini e dei rappresentanti delle istituzioni; una presenza trasversale che testimonia il valore di questa riforma e la voglia di cambiare che provano in tanti. Il voto di dicembre è un’occasione da non perdere, un momento per dimostrare anche la capacità riformista del PD”.

Prima del dibattito, l’intervento del Sottosegretario Bocci ha voluto rimarcare il fatto che: “Il referendum non è una battaglia tra schieramenti politici, deve stare fuori da questa logica. È piuttosto un momento cruciale per i cittadini che devono decidere se le modifiche che si vogliono apportare saranno o meno utili al Paese. È quindi fondamentale tenere al centro del dibattito le image-2questioni reali del quesito, spiegando nel merito cosa cambierà e quali saranno i benefici per la vita dei cittadini in termini di riduzione dei costi della politica, di certezza nei tempi della legislazione, nei nuovi spazi di democrazia e nella facilità di individuare chi fa cosa, chiarendo i compiti fra le amministrazioni locali e lo stato centrale”.
Il Comitato Adesso per sì sta continuando a lavorare per organizzare nuovi incontri e dibattiti per consentire ai cittadini di Corciano di fare una scelta consapevole, informando e spiegando le ragioni del sì. Il prossimo incontro è in programma per la metà del mese di ottobre.
Comitato Adesso per il sì – Corciano

Corcianonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.





Può interessarti anche

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img