spot_img
sabato 20 Luglio 2024
spot_img

Perugia 1416, i rioni del capoluogo sconfinano nel corcianese

Da leggere

RIONI-PG-MAPPA-SCH-CIRCOLARE-MOD-DR-ORSINI-AGG-1-JPGNessuno sfugge a Perugia 1416. E per nessuno intendiamo proprio nessuno, neanche alcune realtà che a livello amministrativo sono al di fuori del comune perugino. Una su tutte è Corciano, inserita al momento della suddivisione della “mappa medievale” della città e del suo contado nel grande – per non dire immenso – rione di Porta Sant’Angelo. In sostanza, tutte le frazioni del corcianese rientrano nei grandi festeggiamenti in programma sabato 11 e domenica 12 giugno nel centro storico di Perugia. Un Braccio Fortebracci democratico, forse più di quanto non lo fosse stato nella realtà. L’obiettivo, stando a quanto si legge nel sito degli organizzatori, è quello di celebrare “la suggestione di quel momento storico che ha segnato il passaggio di Perugia dal Medioevo al Rinascimento”.

Corciano e i rioni perugini – Ed è così che sotto il rione di Porta Sant’Angelo, oltre alla già citata Corciano, si ritroveranno anche Ellera, Chiugiana, Pieve del Vescovo, Migiana, Mantignana e Capocavallo. Tutte queste realtà potranno dunque condividere lo stesso stemma – una spada grigio acciaio con l’elsa d’oro in mezzo alle ali bianche dell’Arcangelo Michele in campo rosso – e alcune delle opere architettoniche più belle del capoluogo umbro (l’Arco Etrusco, la Torre del Cassero, la Chiesa di Sant’Agostino,  Chiesa di San Michele Arcangelo, Palazzo Gallenga, il Convento e la Chiesa degli Olivetani). “Sorte” diversa invece per San Mariano e Solomeo: i due borghi sono stati infatti inseriti nel rione di Porta Santa Susanna, il cui stemma è una catena nera in campo azzurro e che può vantare tra i suoi monumenti storici le tante chiese di via dei Priori, fino a giungere a quella di San Francesco al Prato, oltre alla torre degli Sciri e al Sodalizio Braccio Fortebracci.

Il programma – L’inizio è programmato per oggi con l’apertura dell’accampamento medievale in Piazza San Francesco al Prato e con una serie di iniziative legate all’evento. Nel pomeriggio cominciano le prime “schermaglie” tra i rioni con il “Tiro del giavellotto” (ore 12) e la “Mossa della Torre (ore 15), mentre alle 19 gli Sbandieratori di San Sepolcro ci delizieranno con uno spettacolo lungo Corso Vannucci. Poi tutti a cena, con dei menù speciali preparati dai vari rioni. Il clou della manifestazione l’avremo però domani, domenica 12 giugno, con l’inizio delle rievocazione storica fissata per le ore 14.30 e avviata dal corteo dei cinque rioni. Il tutto verrà chiuso da uno spettacolo pirotecnico e di luci in programma tra le 22 e le 23 in Piazza IV Novembre.

Corcianonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.





Può interessarti anche

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img