spot_img
sabato 20 Luglio 2024
spot_img

Lotta alla povertà: arrivano nuovi contributi, in Umbria più di 6300 famiglie interessate

Da leggere

lotta povertàIn Umbria i nuclei familiari con figli minori ed un Isee pari o inferiore a 3.000 euro nell’anno 2015, sono stati 6.363. Per queste famiglie sono in arrivo nuovi aiuti finanziari previsti dal SIA il sistema per l’inclusione attiva.
“Nei prossimi tre anni in Umbria – ha annunciato il vicepresidente della Regione Fabio Paparelli – grazie alle azioni congiunte di Governo e Regione, potremo disporre di quasi 59 milioni di euro per la lotta alle povertà e le azioni di inclusione sociale”.
A Palazzo Donini, sede della giunta regionale si è svolto un incontro tra il Ministero del Lavoro, la Regione, i sindaci ed i rappresentanti delle dodici zone sociali dell’Umbria (Corciano appartiene alla seconda zona sociale assieme a Perugia e Torgiano).

Il Sistema per l’inclusione attiva (SIA), così come approvato a livello nazionale, è stato illustrato da Pietro Tagliatesta, del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, che ha sottolineato come “l’Umbria è quella che ha investito maggiormente, rispetto alle altre Regioni, in queste attività”.
Il Sia prevede l’erogazione di un sussidio economico alle famiglie con minori in condizioni di povertà con un indicatore ISEE pari o inferiore a 3.000 euro.
Il contributo, erogato per 12 mesi, viene quantificato su base di 80 euro mensili a componente del nucleo familiare e va da un minimo di 160 euro per un nucleo familiare formato da due componenti, fino a raggiungere un massimo di 400 euro mensili per un nucleo familiare formato da cinque o più membri.

L’erogazione del sussidio economico è subordinato all’adesione, da parte del richiedente, ad un progetto di attivazione sociale e lavorativa. Per accedere al Sia è quindi necessaria una valutazione dei bisogni e la costruzione di un patto con i servizi territoriali, finalizzato al miglioramento del benessere della famiglia e quindi alla graduale riconquista dell’autonomia.
Alla Regione compete la governance dell’intervento. Comuni e Zone sociali sono i titolari della gestione del SIA e compete ad essi la predisposizione del progetto personalizzato per ogni famiglia beneficiaria dell’intervento. L’INPS è il soggetto attuatore e Poste italiane Spa è il soggetto erogatore del contributo della misura.

Corcianonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.





Può interessarti anche

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img