spot_img
lunedì 15 Luglio 2024
spot_img

Camperisti fai da te? Confcommercio chiede ai comuni interventi urgenti

Da leggere

camperUmbria sempre più alle prese con la “sosta selvaggia” dei camperisti “fai da te”, che si fermano ovunque nelle aree pubbliche non dotate di servizi adeguati ad accoglierli, con tutte le conseguenze negative connesse. Il problema è annoso, ma nella stagione estiva diventa molto più evidente e pesante, tanto che Faita Umbria – il sindacato delle strutture ricettive all’aria aperta aderente a Confcommercio – richiama una volta di più l’attenzione dei Comuni sulla necessità di intervenire con urgenza.
Secondo la legge regionale sul turismo (13/2013), in assenza, nel territorio, di strutture all’aria aperta, i Comuni possono prevedere aree attrezzate, riservate esclusivamente alla sosta temporanea ed al parcheggio dei camper per ventiquattro ore, estendendola fino ad un massimo di 48 ore. Aree pubbliche di sosta dotate di tutte le infrastrutture necessarie (definite dal codice della strada) – attacchi di luce, di acqua, spazi per lo scarico, etc. – da disciplinare con specifico regolamento, ma si contano sulle dita di una mano quelli che effettivamente le hanno.

CAMPERISTI INDISCIPLINATI… – Il risultato è che i camperisti che non hanno a disposizione aree pubbliche attrezzate e non utilizzano le strutture private, ovvero i camping – che permettono tra l’altro anche solo di scaricare i materiali organici a costi giornalieri risibili – sostano dove capita – parcheggi, piazze, spiazzi verdi etc. – e dunque sporcano, sfruttano indebitamente attacchi di luce ed acqua con costi a carico della collettività, non portano alcun introito economico e, laddove è applicata, sfuggono anche all’applicazione della tassa di soggiorno.
Secondo Faita-Confcommercio, la situazione è ormai insostenibile, per due ragioni principali.

…MA MANCA L’ORGANIZZAZIONE – “Non è possibile parlare di turismo come risorsa fondamentale per l’Umbria – sottolinea la presidente di Faita Umbria Monica Migliorati – e poi essere così carenti sul fronte dell’accoglienza: la mancanza di aree pubbliche attrezzate è un forte danno all’immagine della nostra capacità di ricevere adeguatamente i tanti visitatori che sempre più scelgono – soprattutto durante i ponti e nella stagione estiva – di muoversi con i motorhome. Nello stesso tempo consentiamo a queste persone, che vengono portandosi tutto dietro, e quindi non creano reddito vero per il territorio perché nel territorio non spendono quasi nulla, di inquinare con l’immondizia che lasciano dietro e, causa la mancanza di controlli, lasciamo spazio a forme di concorrenza sleale nei confronti delle imprese che fanno ricettiva all’aria aperta e dei loro ospiti, costretti, loro sì, a pagare l’imposta di soggiorno, quando è applicata. I comuni umbri che rivendicano una particolare vocazione turistica devono fare accoglienza a regola d’arte, cominciando a predisporre i camper service, ma anche ad apporre una adeguata segnaletica. Su questi aspetti – conclude la presidente Faita – stiamo sollecitando la loro attenzione da anni e li stiamo richiamando all’osservanza della legge: purtroppo non molto è cambiato. Crediamo non sia più tempo d indugi, perché la situazione è incompatibile con una immagine competitiva dell’Umbria turistica”.

Corcianonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.





Può interessarti anche

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img