spot_img
venerdì 12 Luglio 2024
spot_img

Contro la “Buona Scuola” del Governo Renzi è sciopero generale, non garantite le attività didattiche

Da leggere

renzi buona scuolaSciopero generale della scuola domani martedì 5 maggio. Le scuole che a Corciano fanno capo a Direzione Didattica ed Istituto Bonfigli informano che nel giorno in questione non saranno in grado di garantire il regolare svolgimento delle attività didattiche, potrebbero dunque verificarsi disfunzioni o interruzioni del normale svolgimento dell’attività didattica.
La protesta, che in Umbria interessa circa 15mila lavoratrici e lavoratori, è organizzata unitariamente dai principali sindacati scuola FLC CGIL, CISL scuola, UIL scuola, SNALS e GILDA.

I MOTIVI E LE RICHIESTE – Lo sciopero arriva contro il disegno di legge detto “La buona scuola” del governo Renzi, che nelle scorse settimane è stato discusso nella settima commissione della Camera (Cultura, Scienza e Istruzione) e che ora è approdato alla Camera dei Deputati.
I sindacati chiedono che nel disegno di legge ci sia un piano di stabilizzazioni articolato e immediato che garantisca stabilità ai lavoratori precari e criticano le nuove disposizioni in materia di scatti e retribuzioni.
I sindacati scenderanno in piazza per ribadire dunque l’urgenza di assumere il personale precario, che da anni garantisce il regolare funzionamento della scuola, su tutti i posti vacanti, ma anche per richiamare l’attenzione del Parlamento e di tutto il paese al grave rischio che si correrebbe approvando il ddl del Governo così com’è o lasciando addirittura, ipotesi ancor più nefasta, che si andasse verso il decreto d’urgenza su tutte le materie contenute.

SETTE AUTOBUS DALL’UMBRIA – Per lo sciopero della scuola sono stati organizzati cortei in tutta Italia. I manifestanti umbri confluiranno nella grande manifestazione che si terrà a Roma. Sono già pronti cinque autobus da Perugia e due da Terni che martedì mattina partiranno verso la Capitale. In tanti si recheranno a Roma anche con mezzi privati.
Era da circa 8 anni che le principali sigle sindacali della scuola non organizzavano uno sciopero con modalità simili contro un provvedimento del governo.
A causa della protesta le prove Invalsi per la scuola primaria, che dovevano iniziare proprio martedì, sono state spostate al 6 e 7 maggio.
Lo spostamento, sottolinea l’istituto Invalsi, riguarda tutte le classi della scuola primaria indipendentemente dall’adesione del personale docente e non docente allo sciopero del 5 maggio.
Da sottolineare comunque che proprio contro le prove Invalsi il solo sindacato Cobas ha indetto sciopero anche nei giorni del 6 e del 12 maggio.

Corcianonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.





Può interessarti anche

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img