spot_img
lunedì 15 Luglio 2024
spot_img

Il Laboratorio di cinema Il Raggio Verde ha presentato i suoi corti: “Interludio” è girato a Corciano

Da leggere

10641111_10206029400084934_516484168205179719_nVenerdì 27 Marzo 2015, presso la sala Sant’Anna, in viale Roma a Perugia, si è svolta la proiezione pubblica dei cortometraggi realizzati dal Laboratorio di cinema Il Raggio Verde condotto da Daniele Arteritano.
La serata di proiezione ha rappresentato il momento finale e restitutivo di una attività della durata di un anno,  svolta prevalentemente presso l’OpenSpace 37 di corso Bersaglieri in collaborazione con l’associazione Rivivi Borgo Sant’Antonio e con il Patrocinio dell’Assessorato alla Cultura del comune di Perugia. L’iniziativa, totalmente autofinanziata,  ha coinvolto numerosi giovani al fine di valorizzarne le capacità creative e di trasmettere le competenze basilari del linguaggio cinematografico.

I TRE CORTOMETRAGGI – I tre cortometraggi prodotti dal Laboratorio di Cinema “Il Raggio Verde” 2014 toccano tematiche diverse ma sono accomunati dall’attenzione verso il sociale e dal tentativo di esprimere diverse visioni del mondo e della città. Tutti e tre i lavori sono stati girati a Perugia, girati in luoghi significativi della città.

Fante Cavallo e Jazz, di Mariangela Menghini, 25′. Con Roberta Capodicasa.
È uno spaccato della quotidianità di Giulia, una donna affetta da sclerosi multipla, che sa affrontare le difficoltà della sua condizione senza rinunciare alle proprie passioni e allo spirito positivo nei confronti del mondo;

Interludio, di Elena Arcari, 18′. Con Laurence Cocchiara e Arian Nedjadmasoum.
Racconta la difficile scelta esistenziale di Filippo, un giovane musicista, alle strette fra la ricerca un lavoro e le proprie aspirazioni artistiche e professionali. Fra le location del film, il bar Panta Rei di San Mariano e il Teatro dell’Arca di Corciano.

Umanità #31, di Alessandra Polidori, 10′. Con Pierpaolo Cesarano.
Interamente girato all’interno del Cinematografo Comunale Sant’Angelo, rappresenta il delirio visionario e voyeuristico dell’operatore, che letteralmente “proietta” gli spettatori sullo schermo per analizzarne la varia umanità.

Corcianonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.





Può interessarti anche

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img