spot_img
giovedì 25 Luglio 2024
spot_img

Gli architetti tra i nuovi poveri: il 30% dei giovani è disoccupato

Da leggere

architects_plans«Gli architetti italiani? Sono i nuovi poveri». Queste le parole di Leopoldo Freyrie, presidente dell’ordine professionale e riportate da un articolo di Dario Di Vico nel corriere.it.

GUADAGNI MENO 40% – Da un’indagine condotta dal Cresme si evince che in cinque anni la perdita di guadagno è stata del 40% e in più aumentano in modo esponenziale le prestazioni non pagate. Il 68% degli architetti infatti vanta crediti nei confronti di aziende private e il 32% verso la pubblica amministrazione in questo modo i professionisti sono a loro volta costretti a contrarre debiti verso terzi: banche, fornitori o società di credito.

GLI STUDI E I GIOVANI – L’attuale reddito medio di uno studio di architettura è di 38 mila euro annui: in genere tali strutture hanno un dipendente non architetto e 1,5 collaboratori a partita Iva. Per i giovani la situazione è drammatica, il tasso di disoccupazione viaggia attorno al 30%. Così quando, come qualche giorno fa a Roma, si apre un concorso per assumere 140 tra funzionari e tecnici per il catasto, giovani architetti e ingegneri si iscrivono e sono almeno in 25 mila: un numero che non si era mai visto.

Corcianonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.





Può interessarti anche

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img