spot_img
martedì 26 Settembre 2023
spot_img

Isola Polvese, sull’alienazione anche il no del Comune di Corciano

Da leggere

polveseL’ex presidente della Provincia di Perugia Marco Vinicio Guasticchi, in uno dei suoi ultimi atti (Delibera 42/9.10.2014), ha inserito nel piano di alienazioni e valorizzazioni degli immobili, tre beni di indubbio valore ambientale, storico ed artistico, che fanno parte del patrimonio culturale dell’Umbria: Villa Fidelia a Spello, Villa Redenta a Spoleto e l’isola Polvese nel Lago Trasimeno.
Contro tale decisione, il consiglio comunale di Corciano nella seduta del 10 novembre scorso, ha approvato all’unanimità un ordine del giorno promosso dal consigliere di Sinistra Ecologia Libertà Mario Taborchi.
“Il Consiglio – spiega il circolo SEL di Corciano ha dato una bella prova di sensibilità in momenti di aggregazioni spurie e personalistiche ed ha voluto testimoniare che per i corcianesi vince prepotentemente l’attaccamento alla propria terra su ogni altra istanza di parte. Simili atti, che coinvolgono la storia e la sensibilità delle comunità, non possono essere assunti in maniera ‘autarchica’ ma vanno concertati e condivisi con i comuni di riferimento, in particolare dopo la così detta Legge Del Rio che ha cambiato radicalmente il profilo amministrativo delle Province facendole diventare “enti di area vasta” con funzioni limitate. Vendere i così detti ‘gioielli di famiglia’, i beni del patrimonio, accumulati nel tempo col sacrificio di intere generazioni, soluzione alla quale viene facile pensare in periodi di crisi, non risulta essere affatto la scelta migliore”.
Per Sinistra Ecologia Libertà la grande operazione della dismissione dei beni di così rilevante valore finisce per essere un vero e proprio assurdo economico, perché, necessariamente, è solo una soluzione temporanea al problema del debito, il quale ritornerà alla ribalta in piena forza tra pochi mesi o tra qualche anno, quando non ci saranno più beni pubblici da porre sul mercato e allora saremo chiamati tutti finalmente a compiere quello sforzo inventivo, esperto, alternativo che solo una corretta volontà di gestione amministrativa sostenibile, misurata e inclusiva può mettere in campo.
“Ma per i professionisti del ‘rimando’ – avverte ancora il circolo SEL corcianese – questo non è ancora il tempo! Sta a noi, cittadini singoli, organizzati, rappresentanti delle istituzioni locali, alzare la testa, tenerla dritta e farlo diventare sin da oggi ‘quel tempo’!”.

Corcianonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.




Può interessarti anche

Dal mondo

 

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img