spot_img
venerdì 19 Luglio 2024
spot_img

Scoperte 17 casi a luci rosse in Umbria, una anche a Corciano: arrestati due cinesi

Da leggere

Corciano, sequestrato appartamento a luci rosseC’è anche un appartamento di Corciano tra quelli sequestrati ad una coppia di cinesi accusati di avere gestito 17 case di appuntamento tra Assisi, Bastia Umbra e Perugia: i due – 30 anni lui, venticinque lei – sono stati arrestati dagli agenti del commissariato di Assisi, diretto da Francesca Di Luca, coadiuvati dagli uomini del reparto prevenzione crimine Umbria e Marche. Alla donna, madre da qualche mese, sono stati concessi i domiciliari; per entrambi l’accusa è di sfruttamento della prostituzione. Dagli accertamenti è emerso che già 3 anni fa la squadra mobile di Alessandria aveva denunciato marito e moglie per lo stesso reato commesso attraverso l’organizzazione del medesimo disegno criminoso.

LE INDAGINI – Secondo l’accusa, i due arruolavano giovani connazionali, privandole del passaporto, segregandole e costringendole a prostituirsi in 17 appartamenti a ‘luci rosse’ tra Assisi, Bastia e Perugia. Assieme ad altri complici – l’attività di indagineha portato alla denuncia di 15 cinesi, indagati per i reati di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione e favoreggiamento della permanenza illegale dello straniero nello Stato – i due avevano formato un sodalizio ‘familiare’ cinese con un enorme giro di denaro.

LE GIOVANI IN ITALIA – Stando alla ricostruzione della Polizia di Stato fatta attraverso i racconti delle giovani sfruttate, i due coniugi reclutavano le connazionali attraverso un’agenzia di viaggio cinese, alla quale le ragazze versavano circa 20 mila euro per ottenere un lavoro da massaggiatrice e una scheda telefonica che il referente dell’agenzia in Italia avrebbe loro consegnato una volta giunte all’aeroporto di Roma o Milano. Gli investigatori hanno scoperto che una volta atterrate alle giovani veniva sequestrato il passaporto e il referente le dirottava prima su Prato e poi a Perugia.

IL PRONTUARIO DEL SESSO – Qui, alla stazione ferroviaria, venivano prelevate direttamente dai due coniugi per essere poi portate negli appartamenti, private delle chiavi e approvvigionate di tutto il necessario per vivere e per prostituirsi: dai profilattici al vestiario succinto, dalla biancheria intima sexy fino al prontuario contenente le frasi tradotte in italiano da dire ai clienti e un tariffario delle varie prestazioni, oltre a varie schede telefoniche e uno o più cellulari in dotazione. La loro attività veniva pubblicizzata con annunci su siti web specializzati in “incontri” o riviste di inserzionisti corredate da immagini di donne in abiti succinti ed indicazione di numeri di utenza cellulare da contattare.

GLI INCASSI – Ogni due giorni i due coniugi si recavano presso gli appartamenti per prelevare gli incassi: su 50 euro lasciavano alle ragazze soltanto 15 euro che sarebbero dovuti servire alle stesse per riscattare il proprio passaporto. Era la moglie a ricevere le telefonate dei clienti e a smistarli nei vari appartamenti, contrattando personalmente data, orario e prezzo delle prestazioni. Una cinquantina le persone, tutte residenti tra Assisi, Bastia e Perugia, quasi sempre incensurate e, in alcuni casi, ritenute insospettabili, fermate all’uscita delle case squillo. Sette gli appartamenti sequestrati: 4 a Perugia, 1 a Corciano, 1 a Bastia Umbra e 1 ad Assisi.

Corcianonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.





Può interessarti anche

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img