spot_img
sabato 13 Luglio 2024
spot_img

Meno Tari per chi va in ricicleria, lo sfogo degli “altri” cittadini

Da leggere

rifiuti-roma-640x304“Il comportamento virtuoso va sempre premiato”. Lo dice Franco Baldelli, assessore al bilancio, servizi scolastici, innovazione tecnologica e personale del Comune di Corciano commentando la decisione di rimodulare la Iuc nella componente riguardante l’imposta per i rifiuti.

MENO TARI PER CHI VA IN RICICLERIA – “Abbiamo deciso – ha spiegato Baldelli – di tornare ad aumentare i coefficienti di ponderazione della Tari per chi conferisce carta e plastica alla ricicleria.  Visto che a Corciano è attivo il servizio porta a porta – ha raccontato l’assessore – avevamo erroneamente ipotizzato che i cittadini scegliessero questa modalità di eliminazione anche per la carta e la plastica. Ci siamo invece accorti che in moltissimi ne hanno portati grandi quantitativi direttamente all’isola ecologica, a sottolineare di avere compreso la filosofia alla base della corretta separazione dei rifiuti ed anche l’impegno, in capo a ciascuno, di tutelare l’ambiente. Per questo si è reso necessario e doveroso incentivare i comportamenti virtuosi con degli abbattimenti di costo”.

PORTA A PORTA E FAI DA TE – I benefici economici derivanti per le famiglie andranno a ridurre la cartella dei rifiuti per il 2015. “Negli ultimi anni- ha detto ancora l’assessore – la gestione del servizio, incentrato sulla raccolta differenziata, ha cercato di combinare il porta a porta con il ‘fai da te’, facendo in modo che le due modalità fossero complementari, così da contribuire ad aumentare i dati sulla differenziata e sulla materia seconda da destinare a riciclo. In altri termini – ha concluso Baldelli – l’assimilazione di una corretta cultura ambientale è già riuscita a produrre uno sconto sull’imposta, sconto che doverosamente non deve né potrà essere a pioggia ma calibrato su chi, grazie allo smaltimento ‘fai da te’ grava anche di meno sui costi del servizio”.

LO SFOGO DEI LETTORI – Alla luce di quanto affermato dall’assessore Baldelli molti cittadini saranno felici ma molti altri si sentono in qualche modo traditi, poiché non vedono economicamente riconosciuto lo sforzo di differenziare i rifiuti nella propria abitazione. “In casa mi ritrovo ad avere 4 secchi diversi per la spazzatura tra organico, carta, plastica e indifferenziato – si sfoga un nostro lettore – e, nonostante la buona volontà, non ho un riscontro economico. Se il Comune ha istituito la raccolta porta a porta dovrebbe incentivare i cittadini ad avere “comportamenti virtuosi” anche in casa altrimenti che senso ha il mio impegno? Certo continuerò a differenziare per senso civico ma sono deluso e farei di certo prima a buttare tutto nell’indifferenziato senza stare ad ammattirmi tutte le volte per capire dove mettere questo o l’altro rifiuto”. “Io ho tre bambini piccoli – ci spiega una mamma delusa – io e mio marito lavoriamo e non abbiamo tempo di portare carta e plastica in ricicleria, non mi sento di avere per questo meno senso civico di altri, a chi riesce a farlo vanno i miei complimenti, ma credo che anche noi dovremmo avere un bonus per il nostro impegno visto che la Tari è veramente gravosa”.
G.G.

Corcianonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.





Può interessarti anche

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img