spot_img
venerdì 29 Settembre 2023
spot_img

Libri abbandonati nel magazzino della Regione a Solomeo, la denuncia: “Pagati con soldi pubblici”

Da leggere

libri abbandonati solomeoIl Consigliere regionale Andrea Lignani Marchesani di Fratelli d’Italia denuncia la situazione del magazzino della Regione situato a Solomeo dopo avervi svolto un sopralluogo.
“Ho dovuto constatare – spiega Lignani – lo sperpero di denaro pubblico avvenuto negli anni passati per stampare improbabili pubblicazioni e gratificare cosi improvvisati autori e tipografie amiche”.

MIGLIAIA DI LIBRI AD AMMUFFIRE – Secondo quanto spiega il consigliere decine di migliaia di libri sono assembrati all’interno del magazzino, occupandone ben più della metà.
“Esposte ad una naturale consunzione – aggiunge Lignani Marchesani – molte di queste pubblicazioni sono ancora incellofanate e dal loro numero si comprende anche lo scarso successo della vendita delle stesse o l’incapacità di distribuirle presso un pubblico più o meno ampio e qualificato. In pratica si è attinto e si attinge ancora a soldi pubblici (alcune pubblicazioni sono infatti anche molto recenti), senza alcuna programmazione o progetto preliminare, e poi si lasciano marcire libri in un magazzino dimenticato”.
Il consigliere di Forza Italia ha presentato una interrogazione per chiedere conto della situazione alla quale non si è fatta attendere la risposta.

LA RISPOSTA DELLA REGIONE – I volumi che il consigliere regionale di Fdi Andrea Lignani Marchesani ha riferito di aver trovato ammassati nel magazzino della Regione a Solomeo “sono costituiti da raccolte di leggi e decreti, copie del Bollettino ufficiale, cataloghi delle opere conservate presso i musei regionali, brochure sui parchi regionali dell’Umbria, pubblicazioni di monografie (ad esempio su tecniche di potatura, sulla flora e sulla fauna anche ittica regionale), opuscoli divulgativi su eventi e argomenti diversi (le vie dell’olio, Umbriajazz, ricette tipiche regionali)”: è quanto riferisce un comunicato dell’ente.
“Il materiale divulgativo e le pubblicazioni presenti presso il magazzino (non dimenticato, ma dotato di sistema di allarme e quotidianamente presidiato dalla competente struttura regionale) è con tutta evidenza destinato – continua la Regione – ad essere distribuito in grandi quantità in occasione dei vari eventi istituzionali, organizzati sia dalla giunta che dal consiglio regionale. Si tratta, infatti – conclude il comunicato – di pubblicazioni aventi contenuto sempre attuale e quindi stampati in cospicuo numero proprio per garantire una dotazione congrua, con conseguenti, elevate economie di scala”.

LA CONTROREPLICA DI LIGNANI – “In tanti anni di militanza consiliare non ho mai ricevuto una replica così repentina e piccata. Evidentemente segnalando lo stato del magazzino di Solomeo ed il suo contenuto ho colto nel vivo”: lo afferma Andrea Lignani Marchesani (Fdi) riferendosi alla replica della Regione dopo la sua denuncia dei libri dell’ente “abbandonati” nel magazzino dell’ente.
“Incredibile – sostiene Lignani – come nessuno ci voglia mettere la faccia, né un assessore né un dirigente, essendo la replica priva di firma ed affidata genericamente alla Regione come ente sovraordinato e metafisico. A questo punto è d’obbligo un sopralluogo istituzionale e scriverò al presidente della commissione consiliare competente di effettuarne una ufficiale al magazzino di Solomeo. Vedremo in quella sede chi avrà il coraggio di confermare l’utilità delle pubblicazioni e la loro corretta custodia”.
L’esponente di Fratelli d’Italia ricorda anche che sarebbe necessario non far marcire i libri in magazzino, ma cercare un canale di distribuzione gratuita degli stessi: a cominciare dalle scuole, fino ad arrivare alla messa a disposizione gratuita nelle stazioni di trasporto pubblico e negli esercizi commerciali.

Corcianonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.




Può interessarti anche

Dal mondo

 

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img